Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Ora chiediamo le scuse di chi ha detto che abbiamo lanciato lacrimogeni dal Ministero della Giustizia!

Polizia Penitenziaria - Ora chiediamo le scuse di chi ha detto che abbiamo lanciato lacrimogeni dal Ministero della Giustizia!


Notizia del 24/11/2012 - ROMA
Letto (1901 volte)
 Stampa questo articolo


In relazione alle conclusioni dell'inchiesta interna voluta dal ministro della Giustizia, Paola Severino, sul lancio di lacrimogeni nel corso della manifestazione del 14 novembre scorso in via Arenula a Roma, conclusioni dalle quali è stato escluso il lancio di lacrimogeni dall’interno della sede ministeriale su manifestati e studenti, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria – SAPPE– prima e più rappresentativa organizzazione del Corpo, sottolinea che “da subito avevamo escluso che ciò potesse essere accaduto e, quindi, ora pretendiamo scuse da tutti coloro che hanno accusato la Polizia Penitenziaria in servizio in via Arenula”.

Il segretario generale del SAPPE, Donato Capece, sottolinea ‘che non vi era bisogno di rivolgersi al Reparto Racis dei carabinieri per accertare cos’è davvero accaduto quel giorno in via Arenula. Sarebbe bastato avere fiducia ed avvalersi del Reparto di Polizia Penitenziaria in servizio nella sede ministeriale di via Arenula a Roma ed alle relazioni di servizio redatte. Forse al Ministro Severino sfugge che il Corpo di Polizia Penitenziaria dipende proprio da lei e che da molti mesi sollecitiamo il suo dicastero ad attivarsi concretamente per dare corso alla effettiva realizzazione dei Ruoli Tecnici del Corpo, composti da poliziotti laureati e qualificati che per legge si devono occupare della gestione della Banca dati DNA…”

Sappe Informa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti