Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Ora i magistrati si chiedono se è giusto incarcerare gli arrestati.

Notizia del 14/07/2011 - ROMA

Ora i magistrati si chiedono se è giusto incarcerare gli arrestati.

letto 1711 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

“Noi magistrati, se non si pongono rimedi a questa situazione nelle carceri di oggi, dobbiamo iniziare a pensare anche a forme istituzionali di obiezione di coscienza”. E ancora: “Senza interventi da parte della politica, alla coscienza del giudice penale non resta che una sola strada: quella di astenersi dal mandare in carcere le persone”. Parole importanti, soprattutto se a pronunciarle è un magistrato. Parole coraggiose, che danno la misura del degrado presente oggi nelle carceri italiane. Parole pronunciate oggi da Piergiorgio Morosini, Gip del tribunale di Palermo e segretario nazionale di Magistratura Democratica 1, che marcano un’emergenza. Il contesto è stato quello della conferenza stampa per la presentazione dell’appello redatto da Magistratura Democratica e dalle associasioni Antigone 2 e Ristretti Orizzonti 3, sull’illegalità presente nelle patrie galere e indirizzato a tutti i parlamentari.

La questione di fondo. Il giudice Piergiorgio Morosini solleva dunque una questione delicatissima, perché ormai criminale è divenuta la detenzione equiparabile, di fatto, alla commissione di un reato. Infatti, chiudere in una cella di 10 metri quadrati sei o otto persone e lasciarle in quelle quattro mura per 22 ore al giorno, integra il reato di maltrattamenti. Non curare una persona detenuta malata e lasciarla morire in cella, integra il reato di omicidio colposo. Abbandonare una persona detenuta alla propria disperazione, perché non riesce a sopravvivere in quella cella sovraffollata e lasciare che si impicchi, integra il reato di istigazione al suicidio. A questo siamo arrivati grazie all’indifferenza della politica di Governo. Altro che Piano Carceri. Altro che stato d’emergenza. Con l’indifferenza politica si è prodotta solo una carcerazione che appare come criminale.

Non si può far finta di niente. Morosini ha ragione nel parlare della necessità di un’obiezione di coscienza da parte dei Giudici nell’emettere oggi un provvedimento restrittivo, perché eseguito in un carcere disumano e degradante. Ha ragione perché se non ci fosse quell’obiezione di coscienza il Giudice oggi concorrerebbe nei reati che si consumano nelle carceri a causa della loro illegalità. Il Giudice oggi genera legittimamente un provvedimento cautelare ineccepibile o una sentenza di condanna con la consapevolezza che però quel provvedimento verrà eseguito in modo illegittimo. In modo contrario alla legge. Una illegittimità che integra dei reati e che può anche uccidere. Il che non è poco. Parole importanti quelle dette oggi da Piergiorgio Morosini. Infatti la Giustizia, il lavoro dei magistrati, non è fatto a compartimenti stagni. Tutto si tiene e tutto si deve armonizzare. Indagini e custodia cautelare. Processo e pena. L’indifferenza, il far finta di non sapere come verrà eseguito un legittimo provvedimento giurisdizionale, non può appartenere a chi lavora nei Palazzi di Giustizia e per la Giustizia.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

6 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

7 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

8 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

9 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto