Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Ora i magistrati si chiedono se è giusto incarcerare gli arrestati.

Notizia del 14/07/2011 - ROMA

Ora i magistrati si chiedono se è giusto incarcerare gli arrestati.

letto 1837 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

“Noi magistrati, se non si pongono rimedi a questa situazione nelle carceri di oggi, dobbiamo iniziare a pensare anche a forme istituzionali di obiezione di coscienza”. E ancora: “Senza interventi da parte della politica, alla coscienza del giudice penale non resta che una sola strada: quella di astenersi dal mandare in carcere le persone”. Parole importanti, soprattutto se a pronunciarle è un magistrato. Parole coraggiose, che danno la misura del degrado presente oggi nelle carceri italiane. Parole pronunciate oggi da Piergiorgio Morosini, Gip del tribunale di Palermo e segretario nazionale di Magistratura Democratica 1, che marcano un’emergenza. Il contesto è stato quello della conferenza stampa per la presentazione dell’appello redatto da Magistratura Democratica e dalle associasioni Antigone 2 e Ristretti Orizzonti 3, sull’illegalità presente nelle patrie galere e indirizzato a tutti i parlamentari.

La questione di fondo. Il giudice Piergiorgio Morosini solleva dunque una questione delicatissima, perché ormai criminale è divenuta la detenzione equiparabile, di fatto, alla commissione di un reato. Infatti, chiudere in una cella di 10 metri quadrati sei o otto persone e lasciarle in quelle quattro mura per 22 ore al giorno, integra il reato di maltrattamenti. Non curare una persona detenuta malata e lasciarla morire in cella, integra il reato di omicidio colposo. Abbandonare una persona detenuta alla propria disperazione, perché non riesce a sopravvivere in quella cella sovraffollata e lasciare che si impicchi, integra il reato di istigazione al suicidio. A questo siamo arrivati grazie all’indifferenza della politica di Governo. Altro che Piano Carceri. Altro che stato d’emergenza. Con l’indifferenza politica si è prodotta solo una carcerazione che appare come criminale.

Non si può far finta di niente. Morosini ha ragione nel parlare della necessità di un’obiezione di coscienza da parte dei Giudici nell’emettere oggi un provvedimento restrittivo, perché eseguito in un carcere disumano e degradante. Ha ragione perché se non ci fosse quell’obiezione di coscienza il Giudice oggi concorrerebbe nei reati che si consumano nelle carceri a causa della loro illegalità. Il Giudice oggi genera legittimamente un provvedimento cautelare ineccepibile o una sentenza di condanna con la consapevolezza che però quel provvedimento verrà eseguito in modo illegittimo. In modo contrario alla legge. Una illegittimità che integra dei reati e che può anche uccidere. Il che non è poco. Parole importanti quelle dette oggi da Piergiorgio Morosini. Infatti la Giustizia, il lavoro dei magistrati, non è fatto a compartimenti stagni. Tutto si tiene e tutto si deve armonizzare. Indagini e custodia cautelare. Processo e pena. L’indifferenza, il far finta di non sapere come verrà eseguito un legittimo provvedimento giurisdizionale, non può appartenere a chi lavora nei Palazzi di Giustizia e per la Giustizia.

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)