Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Orlando e Roberti a Tirana: incontro Albania-Italia contro il terrorismo e la radicalizzazione islamica nelle carceri

Polizia Penitenziaria - Orlando e Roberti a Tirana: incontro Albania-Italia contro il terrorismo e la radicalizzazione islamica nelle carceri


Notizia del 20/12/2015 - ESTERO
Letto (1768 volte)
 Stampa questo articolo


Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando e il Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Franco Robertihanno incontrato oggi le principali Istituzioni governative albanesi per consolidare la cooperazione giudiziaria fra Italia e Albania. I Balcani rappresentano infatti un'area strategica per il contrasto al terrorismo e sono storicamente anche un crocevia di traffici illeciti.

L'Albania, partner storico dell'Italia, è un importante Paese di quell'area con una rilevante presenza di cittadini di religione islamica in cui da tempo si sperimenta un modello di convivenza pacifica tra credo diversi. 

Al centro dei colloqui con il Primo Ministro Edi Rama e i ministri della Giustizia, Ylli Manjani, e dell’Interno, Saimir Tahiri, il ruolo centrale svolto dell'Albania nel contrasto alla radicalizzazione nei Balcani: il Guardasigilli e il Procuratore hanno ribadito l’impegno italiano a rafforzare la cooperazione nella lotta al terrorismo jihadista e a intensificare gli scambi di informazioni e di esperienze investigative di lotta alla radicalizzazione e al fenomeno dei foreign terrorist fighters, nonchè le attività di contrasto e di prevenzione del radicalismo nel circuito penitenziario.

"Dobbiamo affrontare la questione come se fossimo un unico Stato: i nemici sono comuni e comune deve essere anche la nostra capacità di reazione” ha dichiarato il ministroOrlando al termine degli incontri.

“Perché le relazioni possano diventare più rapide ed efficaci abbiamo deciso di individuare un magistrato di collegamento con esperienza in indagini di questo tipo che possa supportare sul campo la cooperazione", ha sottolineato Orlando. "Inoltre abbiamo offerto alle autorità albanesi la disponibilità a cooperare anche per supportare l'attività di formazione di magistrati e investigatori in materia, nonché le tecnologie per le banche dati". 

Una particolare attenzione è stata dedicata al tema della tratta di esseri umani e alla prevenzione di possibili recrudescenze del fenomeno anche sulle coste albanesi. Su questo terreno il Premier Rama ha chiesto una cooperazione del governo italiano anche alla luce dei flussi migratori sempre più imponenti provenienti da Turchia e Grecia. Si tratta di un'attività di protezione delle frontiere su cui è comune l'interesse dei due Paesi. 

Nel corso degli incontri il Guardasigilli ha chiesto un maggiore impegno alle procedure di trasferimento dall'Italia dei detenuti albanesi nel Paese di origine, ricevendo dal Premier albanese una piena disponibilità e una richiesta di cooperazione dell'amministrazione penitenziaria italiana per implementare il sistema di esecuzione della pena del Paese balcanico.

“La via della cooperazione è una strada facile da percorrere, ma difficile da preparare” ha evidenziato Orlando, “poiché si tratta di far combaciare due sistemi differenti e di ordinare competenze diverse all'interno dei rispettivi sistemi nazionali. Su questo terreno, in Italia siamo avanti potendo da tempo contare sull’apporto di una procura antimafia e antiterrorismo”.

“Il fenomeno della radicalizzazione” ha concluso il Guardasigilli, “è sempre più spesso legato anche al mondo del carcere: per questo abbiamo deciso di puntare sulla prevenzione di simili fenomeni che possono verificarsi negli istituti penitenziari sia italiani che albanesi. Anche la Rete, altro importante luogo di radicalizzazione, verrà monitorata: saranno rafforzati gli strumenti di indagine e intensificata una maggiore attività di prevenzione attraverso il contrasto ai soggetti che promuovono l’odio online”.

giustizia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”