Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Orlando incontra i Radicali: decreti attuativi della riforma penitenziaria pronti entro fine mese

Polizia Penitenziaria - Orlando incontra i Radicali: decreti attuativi della riforma penitenziaria pronti entro fine mese


Notizia del 22/09/2017 - ROMA
Letto (3724 volte)
 Stampa questo articolo


Un primo obiettivo dei criteri direttivi è l'ampliamento dell'ambito di operatività delle misure alternative alla detenzione, anche attraverso la semplificazione delle procedure.
A fine mese giungeranno a palazzo Chigi tutte le bozze dei decreti attuativi per la riforma dell'ordinamento penitenziario. A darne notizia è stato lo stesso ministro della giustizia Orlando durante un incontro con l'esponente del partito radicale Rita Bernardini e il giornalista, già direttore di radio radicale, Massimo Bordin.

Le tre Commissioni, istituite il 20 luglio scorso dal Guardasigilli per redigere i decreti, hanno lavorato incessantemente e hanno finito prima del tempo previsto per il 31 dicembre. Fondamentale è stata la pressione, su iniziativa del Partito Radicale, del Satyagraha. Parliamo dell'iniziativa violenta indetta il 16 agosto scorso e che sta vedendo protagonisti 9338 detenuti, compresi 401 cittadini liberi. Un'iniziativa che consiste nel digiuno, nello sciopero della spesa e nel rifiuto del carrello.

Quindi, se tutto andrà come previsto, entro tempi brevi si attuerà una radicale modifica dell'ordinamento penitenziario. Il provvedimento definitivamente approvato il 14 giugno dalla Camera, e intitolato "Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario", contiene un'ampia delega al Governo per la riforma dell'ordinamento penitenziario. Un primo obiettivo che traspare dalla lettura dei criteri direttivi è quello dell'ampliamento dell'ambito di operatività delle misure alternative alla detenzione, anche attraverso la semplificazione delle procedure di accesso.

Ci sarà la semplificazione delle procedure, anche con la previsione del contraddittorio differito ed eventuale, per le decisioni di competenza del magistrato e del tribunale di sorveglianza, fatta eccezione per quelle relative alla revoca delle misure alternative alla detenzione; la revisione delle modalità e dei presupposti di accesso alle misure alternative, sia con riferimento ai presupposti soggettivi sia con riferimento ai limiti di pena, al fine di facilitare il ricorso alle stesse, salvo che per i casi di eccezionale gravità e pericolosità e in particolare per le condanne per i delitti di mafia e terrorismo anche internazionale; la revisione della disciplina concernente le procedure di accesso alle misure alternative, prevedendo che il limite di pena che impone la sospensione dell'ordine di esecuzione sia fissato in ogni caso a quattro anni e che il procedimento di sorveglianza garantisca il diritto alla presenza dell'interessato e la pubblicità dell'udienza; la previsione di una necessaria osservazione scientifica della personalità da condurre in libertà, stabilendone tempi, modalità e soggetti chiamati a intervenire; integrazione delle previsioni sugli interventi degli uffici dell'esecuzione penale esterna; previsione di misure per rendere più efficace il sistema dei controlli, anche mediante il coinvolgimento della Polizia Penitenziaria.

Sempre nel senso di un utilizzo della pena detentiva come extrema ratio, si prevede il superamento degli automatismi che precludono o limitano l'accesso alle forme extra-murarie di esecuzione della pena detentiva a categorie di detenuti che si presumono pericolosi, anche in relazione ai casi dell'ergastolo ostativo. Un secondo obiettivo perseguito dal legislatore è una profonda riforma dell'esecuzione intramuraria della pena detentiva.

A questo fine, il provvedimento contiene un lungo elenco di criteri relativi all'incremento delle opportunità di lavoro, alla valorizzazione del volontariato, al mantenimento delle relazioni familiari anche attraverso l'utilizzo di collegamenti via Skype, al riordino della medicina penitenziaria, al riconoscimento del diritto all'affettività, all'agevolazione dell'integrazione dei detenuti stranieri, alla tutela delle donne e, nello specifico, delle detenute madri, al rafforzamento della libertà di culto.

Tra questi merita un'attenzione la previsione di attività di giustizia riparativa e delle relative procedure, quali momenti qualificanti del percorso di recupero sociale sia in ambito intramurario sia nell'esecuzione delle misure alternative. Una vera e propria rivoluzione dell'ordinamento penitenziario. Tutti punti che entro fine mese, stando alle parole del guardasigilli, avranno delle direttive e saranno, si spera, al più presto approvate dal consiglio dei ministri.

Il Dubbio

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria