Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Oscar Pistorius teme di essere avvelenato in carcere: mangia solo cibo in scatola dopo le minacce ricevute

Polizia Penitenziaria - Oscar Pistorius teme di essere avvelenato in carcere: mangia solo cibo in scatola dopo le minacce ricevute


Notizia del 08/03/2015 - ESTERO
Letto (887 volte)
 Stampa questo articolo


Oscar Pistorius, nella sua vita in carcere per l'omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, teme di essere avvelenato, tanto che  mangia solo cibo in scatola. L'ex campione paraolimpico ha dichiarato di ricevere numerose minacce dai compagni galeotti per via del suo trattamento privilegiato e ha timore di essere in pericolo. Pistorius è stato condannato a 5 anni di detenzione da scontare nel carcere di Pretoria. Ed è proprio tra quelle sbarre che l'ex campione si sente fortemente minacciato. Negli ultimi tempi il detenuto sembra essere diventato un prigioniero di serie A e potrebbe usufruire di particolari "sconti". A differenza dei normali reclusi, può ricevere visite, fare dalle 6 alle 24 telefonate all'anno, indossare gioielli, coltivare un hobby e possedere una radio. Da quel momento continua a ricevere minacce di morte e questo, come detto, ha fatto crescere in lui la paura di essere avvelenato.

La dieta in scatola - Il ventinovenne, a quanto pare, avrebbe rifiutato ogni contatto con gli altri detenuti e per paura di morire avvelenato mangia solo cibo in scatola. Per questo motivo starebbe perdendo tanto peso da non riuscire a indossare più le protesi alle gambe. Con l'assegno mensile di 12 euro, offertogli dal penitenziario, Pistorius avrebbe fattorazione di scatolette di Chakalaka, un mix di verdure speziate, tipico in Sudafrica. Ma l'ex atleta potrebbe uscire a breve. Secondo i suoi avvocati è probabile che entro il prossimo agosto, Oscar Pistorius, potrebbe ottenere gli arresti domiciliari.

liberoquotidiano.it


 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?