Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Padova, Polizia Penitenziaria rinviene quattro cellulari all'interno del carcere

Polizia Penitenziaria - Padova, Polizia Penitenziaria rinviene quattro cellulari all'interno del carcere


Notizia del 05/09/2014 - PADOVA
Letto (1620 volte)
 Stampa questo articolo


PADOVA. Quattro telefoni cellulari sono stati scoperti in pochi giorni dai poliziotti penitenziari in celle del carcere Due Palazzi di Padova, occupate da detenuti italiani e stranieri. I poliziotti penitenziari hanno trovato inoltre 5 pastiglie di droga sintetica. Lo rende noto il segretario del sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria (Sappe), Donato Capece. «È un episodio inquietante - afferma -, quattro telefoni cellulari in soli due giorni: un arco temporale assai ristretto. Queste situazioni dovrebbero far riflettere l' amministrazione circa la vulnerabilità del nostro sistema penitenziario: eppure, poco o nulla viene fatto dal Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Basti pensare ad alcune soluzioni rapide ed efficaci, come la possibilità di schermare gli istituti penitenziari per neutralizzare la possibilità di utilizzo di qualsiasi mezzo di comunicazione non consentito». Non è questo del resto un episodio isolato nel carcere di Padova dove recentemente un'indagine della squadra mobile aveva portato alla scoperta di un 'girò di droga e altre irregolarità, come la disponibilità di cellulari per i detenuti o di materiale pornografico, con l'arresto di 15 persone, tra cui 6 agenti penitenziari. Uno di loro, ai domiciliari, si era anche suicidato. Stessa sorte per un detenuto, che dopo aver collaborato con i magistrati ed aver raccontato di essere stato picchiato per questo, si era tolto la vita il 25 luglio nella sua cella.

 


mattinopadova
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto