Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Parlano i Carabinieri: "Cucchi, si stava cercando dì scaricare la responsabilità sulla Polizia Penitenziaria"

Polizia Penitenziaria - Parlano i Carabinieri:


Notizia del 15/12/2015 - ROMA
Letto (4318 volte)
 Stampa questo articolo


L’inferno per Stefano Cucchi si materializza tra le due e le tre e 40 di mattina del 16 ottobre 2009. È in questo lasso di tempo, 100 minuti, che il giovane subisce secondo gli inquirenti un "violentissimo pestaggio" da parte dei carabinieri.

Probabilmente prima alla stazione Casilina, quando si oppone al foto-segnalamento, poi alla stazione Appia, sempre per mano di tre militari, Francesco Tedesco, Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro. Sono cinque i tasselli chiave dell’indagine che ha permesso al pm Giovani Musarò e agli agenti della Squadra mobile di ricostruire orari, luoghi e presunti responsabili: tre testimonianze (rese da un compagno di cella di Cucchi e di due carabinieri); la falsificazione di alcuni documenti sull’arresto del 31enne e le intercettazioni dei tre militari accusati del pestaggio.

La prima traccia che porta gli inquirenti sulla strada giusta, il 18 novembre 2014, è il racconto di Luigi Lainà, detenuto con Stefano a Regina Coeli: "Cucchi mi disse che era stato picchiato dai carabinieri nella prima caserma in cui era transitato". Un faro si accende sugli uomini dell’Arma. Ma quali? Cucchi, tra il 15 e il 16 ottobre 2009, ha a che fare con diversi militari. Un passo avanti arriva il 30 giugno 2015, quando due carabinieri di Tor Vergata raccontano al pm tutto quello che sanno: "Mandolini (il comandante della stazione Appia, ndr) fece il nome dell’arrestato. Cucchi, e aggiunse che si stava cercando dì scaricare la responsabilità sulla Polizia Penitenziaria".

A luglio, le intercettazioni fanno il resto, con la moglie di uno dei militari sospettati che accusa al telefono: "A picchiarlo vi siete divertiti".

L’ultimo "colpo" della procura risale al 16 novembre scorso, neanche un mese fa, quando a piazzale Clodio arrivano i documenti sull’arresto di Stefano. Sul registro dei foto-segnalamenti, un rigo è cancellato maldestramente con il bianchetto: sotto al nome di Misic Zoran si intravede quello di Stefano Cucchi. Una falsificazione deliberata, pensano gli inquirenti, per cancellare del tutto le tracce del passaggio di Cucchi dalla stazione Casilina, dove sarebbe avvenuto il primo pestaggio.

 

Lo scaricabarile

Vuotano il sacco due militari della stazione, Riccardo Casamassima e Maria Rosati. Raccontano agli inquirenti ciò che l'allora comandante dell'Appia, maresciallo Mandolini a ottobre del 2009, riferì a loro e al comandante della stazione di Tor Vergata: "Il Mandolini mettendosi una mano sulla fronte mi disse: "È successo un casino, i ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato". Poi si diresse verso l'ufficio del comandante della stazione, il maresciallo Enrico Mastronardi. All'interno dell'ufficio c'era anche il carabiniere Maria Rosati la quale ebbe modo di ascoltare qualche cosa in più. In particolare, come riferitomi dalla Rosati, Mandolini fece il nome dell'arrestato (Cucchi) e aggiunse che stavano cercando di scaricare la responsabilità sugli agenti della polizia penitenziaria".

Il compagno di cella. Luigi Lainà, detenuto con Cucchi nell'ottobre del 2009, confida: "Dissi a Cucchi che se era stata la penitenziaria a ridurlo in quelle condizioni, noi avremmo fatto un casino. Cucchi mi rispose che era stato picchiato dai carabinieri all'interno della prima caserma da cui era transitato nella notte dell'arresto. Aggiunse che era stato picchiato da due carabinieri in borghese, mentre un terzo, in divisa, diceva agli altri due di smetterla".

"Andiamo a fare le rapine". La procura intercetta i tre carabinieri indagati per il caso Cucchi. Di Bernardo e D'Alessandro temono di essere destituiti dall'Arma e ipotizzano nuovi impieghi: "Se ci congedano ci apriamo un bar" dice Di Bernardo a D'Alessandro. Quest'ultimo risponde: "Se mi congedano te lo giuro sui figli miei, e non sto giocando, mi metto a fare le rapine". Di Bernardo chiede di nuovo al collega: "Ma se ti buttano fuori che lavoro fai?". "Ti ho detto che vado a fare le rapine. Magari agli orafi".

 

La Repubblica - 14 dicembre 2015

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Nicola Gratteri: 20mila posti in più nelle carceri e mafiosi lavorino gratis per pulire boschi e spiagge

5 Rubata cassaforte dentro al carcere di Torino: era nei locali gestiti da un''associazione di detenuti

6 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

7 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

8 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

9 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

10 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo