Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Passa al Senato il decreto svuota carceri: ok alle correzioni previste dall'ex Ministro Palma

Notizia del 26/01/2012 - ROMA

Passa al Senato il decreto svuota carceri: ok alle correzioni previste dall'ex Ministro Palma

letto 1594 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Domiciliari o camere di sicurezza per gli arrestati in flagranza per reati non gravi, entro 48 ore dal fermo, prolungamento da 12 a 18 mesi del periodo di fine pena che si puo' scontare presso il proprio domicilio, chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari. Sono i punti principali del decreto, approvato ieri sera dal Senato, che introduce alcune misure per affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, problema che il ministro Paola Severino, fin dalla sua nomina, ha detto di considerare urgente, drammatico e prioritario.

Il decreto, la cui discussione in Aula ha avuto qualche battuta d'arresto e momenti di tensione, dopo un iter piuttosto rapido in commissione Giustizia, era stato approvato dal Consiglio dei ministri il 16 dicembre scorso, pubblicato i Gazzetta ufficiale il 22, e deve dunque essere convertito in legge entro il 20 febbraio. Ora il testo passa all'esame della Camera per la definitiva conversione in legge. I tempi sono stretti ma il ministro della Giustizia, Paola Severino ha espresso l'auspicio di non dovere ricorrere al voto di fiducia.

La sostanziale novita' del provvedimento e' la possibilita', al momento dell'arresto in flagranza e per reati non gravi, e in attesa del pronunciamento del magistrato, che la persona fermata non sia condotta, per le prime 48 ore, ai domiciliari, in prima istanza, poi nelle celle di sicurezza delle questure, e solo come estrema ratio in carcere. Una norma pensata e sostenuta dal ministro Severino come la soluzione al fenomeno delle 'porte girevoli', per il quale circa 21mila persone ogni anno entrano in carcere e ne escono dopo 2 o 3 giorni, incidendo in modo consistente sul sovraffollamento.

All'arrivo del testo in Aula, nell'emendamento viene poi introdotta la 'pericolosita' dell'arrestato' come impedimento alla detenzione domiciliare. Ma non basta. Proprio partendo dall'allarme sociale di alcuni reati, l'ex ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma, intervenendo in aula in modo molto critico sul decreto e sull'emendamento dei relatori, ripropone come emendamento alcune norme da lui stesso elaborate quando era ministro e che introducono la variabile della tipologia dell'arresto: niente domiciliari in caso di arresto obbligatorio ma solo per reati per cui l'arresto e' facoltativo.

Dunque la norma non deve essere applicabile a responsabili di furto in appartamento, scippo, rapina. Poi ieri la soluzione per ricomporre lo strappo, con una nuova formulazione dell'emendamento dei due relatori, Filippo Berselli (Pdl) e Alberto Maritati (Pd), presentato in una versione che sostanzialmente accoglie le obiezioni di Palma, che ha poi ritirato il proprio emendamento. Sono stati infatti esclusi i domiciliari, per gli arrestati in flagranza e per reati per i quali si procede per direttissima e davanti al giudice monocratico, per furto in appartamento, furto con strappo, rapina ed estorsione semplici. In questi casi, in attesa della decisione del giudice, gli arrestati potranno, entro le 48 ore, essere curstoditi, nell'ordine, presso le camere di sicurezza o, se non e' possibile, in carcere.

Adnkronos

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

8 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

9 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

10 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera