Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Passa al Senato il decreto svuota carceri: ok alle correzioni previste dall'ex Ministro Palma

Notizia del 26/01/2012 - ROMA

Passa al Senato il decreto svuota carceri: ok alle correzioni previste dall'ex Ministro Palma

letto 1698 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Domiciliari o camere di sicurezza per gli arrestati in flagranza per reati non gravi, entro 48 ore dal fermo, prolungamento da 12 a 18 mesi del periodo di fine pena che si puo' scontare presso il proprio domicilio, chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari. Sono i punti principali del decreto, approvato ieri sera dal Senato, che introduce alcune misure per affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, problema che il ministro Paola Severino, fin dalla sua nomina, ha detto di considerare urgente, drammatico e prioritario.

Il decreto, la cui discussione in Aula ha avuto qualche battuta d'arresto e momenti di tensione, dopo un iter piuttosto rapido in commissione Giustizia, era stato approvato dal Consiglio dei ministri il 16 dicembre scorso, pubblicato i Gazzetta ufficiale il 22, e deve dunque essere convertito in legge entro il 20 febbraio. Ora il testo passa all'esame della Camera per la definitiva conversione in legge. I tempi sono stretti ma il ministro della Giustizia, Paola Severino ha espresso l'auspicio di non dovere ricorrere al voto di fiducia.

La sostanziale novita' del provvedimento e' la possibilita', al momento dell'arresto in flagranza e per reati non gravi, e in attesa del pronunciamento del magistrato, che la persona fermata non sia condotta, per le prime 48 ore, ai domiciliari, in prima istanza, poi nelle celle di sicurezza delle questure, e solo come estrema ratio in carcere. Una norma pensata e sostenuta dal ministro Severino come la soluzione al fenomeno delle 'porte girevoli', per il quale circa 21mila persone ogni anno entrano in carcere e ne escono dopo 2 o 3 giorni, incidendo in modo consistente sul sovraffollamento.

All'arrivo del testo in Aula, nell'emendamento viene poi introdotta la 'pericolosita' dell'arrestato' come impedimento alla detenzione domiciliare. Ma non basta. Proprio partendo dall'allarme sociale di alcuni reati, l'ex ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma, intervenendo in aula in modo molto critico sul decreto e sull'emendamento dei relatori, ripropone come emendamento alcune norme da lui stesso elaborate quando era ministro e che introducono la variabile della tipologia dell'arresto: niente domiciliari in caso di arresto obbligatorio ma solo per reati per cui l'arresto e' facoltativo.

Dunque la norma non deve essere applicabile a responsabili di furto in appartamento, scippo, rapina. Poi ieri la soluzione per ricomporre lo strappo, con una nuova formulazione dell'emendamento dei due relatori, Filippo Berselli (Pdl) e Alberto Maritati (Pd), presentato in una versione che sostanzialmente accoglie le obiezioni di Palma, che ha poi ritirato il proprio emendamento. Sono stati infatti esclusi i domiciliari, per gli arrestati in flagranza e per reati per i quali si procede per direttissima e davanti al giudice monocratico, per furto in appartamento, furto con strappo, rapina ed estorsione semplici. In questi casi, in attesa della decisione del giudice, gli arrestati potranno, entro le 48 ore, essere curstoditi, nell'ordine, presso le camere di sicurezza o, se non e' possibile, in carcere.

Adnkronos

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

2 Ispettore della Polizia Penitenziaria disarma migrante che minacciava i passanti nella stazione di Napoli

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

5 Centotrentaseiesimo arresto di un Agente Penitenziario libero dal servizio: in dieci anni recuperata refurtiva per 70mila euro

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

8 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

9 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto

10 Riforma dell''ordinamento penitenziario, ecco i nomi delle commissioni: Andrea Orlando nomina i componenti per preparare le bozze dei decreti legislativi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

2 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria cattura Johnny lo Zingaro. Operazione "Il biondino"

4 Tutti i Sindacati della Polizia Penitenziaria interrompono le relazioni con il DAP e chiedono incontro con il Ministro Andrea Orlando

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

7 Cattura di Johnny lo zingaro: Ministro Minniti si congratula con Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria. Il video dell''arresto

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Blocco stipendi 2011/2014: ancora irrisolta la questione per chi è andato in pensione durante quel periodo