Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Pensionato della Polizia Penitenziaria costretto a lasciare casa per le continue e gravi minacce e atti intimidatori

Polizia Penitenziaria - Pensionato della Polizia Penitenziaria costretto a lasciare casa per le continue e gravi minacce e atti intimidatori


Notizia del 18/03/2013 - REGGIO CALABRIA
Letto (2802 volte)
 Stampa questo articolo


Pensionato della Polizia Penitenziaria e la sua famiglia costretti a lasciare l'alloggio a causa delle continue minacce e atti intimidatori a Reggio Calabria.

Il sogno di una famiglia infranto dalla prepotenza. Una storia di delinquenza e disperazione che traccia il profilo di un quartiere, lo stesso che qualche giorno addietro ha assistito all’omicidio della signora marocchina: il rione Marconi.

Un contesto sociale difficile in cui anche la proprietà di una casa viene messa in discussione con le minacce e la violenza. Una storia a cui dà voce il giovane Francesco Ventura, studente universitario ventenne con genitori invalidi, un fratello ed una sorella minorenni. Una famiglia di persone oneste, a cui è stata assegnato legittimamente nel 2003 ad un alloggio popolare destinato alle forze dell’ordine, casa in cui la famiglia Ventura ha vissuto fino al 6 marzo di quest'anno. A giugno erano state anche avviate le procedure per l'acquisto dell’immobile. Il piccolo sogno del capofamiglia, un pensionato della Polizia Penitenziaria, dopo anni di risparmi e sacrifici, sembrava quasi raggiunto.

Ma così non è stato. «Da quando nel 2011 è uscito il primo bando per l'acquisto degli appartamenti, siamo stati vittime di atti intimidatori, ci facevano trovare proiettili nella cassetta della posta – racconta il figlio Francesco con il coraggio della disperazione –. Tutto documentato dalle denunce. I malviventi sono appartenenti alla comunità nomade locale. Dopo avere tentano invano di farci sloggiare “con le buone” hanno intensificato le azioni criminose. Hanno scassato la nostra automobile, solo nell'ultima settimana poi hanno effettuato tre effrazioni infliggendo ingenti danni alla casa, derubandoci di vestiti, mobilio, pentole.

Non contenti hanno cercato anche di dare fuoco all'appartamento».Vogliamo aiuto per riappropriarci della nostra dignità di famiglia e di cittadini. Aiutateci a non fare cadere tutto nel silenzio. I prepotenti vogliono il silenzio ed il buio per continuare ad agire incontrastati. Ma da soli non riusciremo a resistere per molto>

www.gazzettadelsud.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no