Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Per il DAP "netto miglioramento" delle carceri, ma il Sappe smentisce i dati

Polizia Penitenziaria - Per il DAP


Notizia del 10/08/2015 - ROMA
Letto (1455 volte)
 Stampa questo articolo


Nel cuore dell’estate, come spesso accade, riemerge il dibattito sullo stato di salute delle carceri italiane. Oggi 10 agosto di «netto miglioramento» delle condizioni detentive nei penitenziari ha parlato il Dipartimento di amministrazione penitenziaria (Dap) del ministero della Giustizia, che ha da tempo avviato il monitoraggio per la verifica periodica degli interventi messi in atto per il miglioramento delle condizioni detentive, in linea con le prescrizioni dettate dalla sentenza Torreggiani.

Di tutt’altro avviso i sindacati di Polizia Penitenziaria, in particolare il sindacato autonomo Sappe: «Il Dap non dice – attaca il segretario Donato Capece – che le tensioni del sistema penitenziario italiano continuano a scaricarsi sulle donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, quotidianamente impegnati a contrastare le tensioni e le violenze che avvengono nelle nostre carceri e che vedono spesso i nostri agenti, sovrintendenti e anche ispettori picchiati e feriti dalle violenze ingiustificate di una consistente fetta di detenuti che evidentemente si sentono intoccabili».

SUICIDI – Per Capece «dal 1 gennaio al 30 giugno 2015 nelle 198 carceri italiane si sono contati 19 suicidi di detenuti, 2 di poliziotti penitenziari, 34 decessi per cause naturali in cella, 465 tentati suicidi sventati in tempo dai poliziotti penitenziari e 3.163 atti di autolesionismo posti in essere da detenuti. Ancora più gravi i numeri delle violenze contro i nostri poliziotti penitenziari: parliamo di 2.095 colluttazioni e 449 ferimenti». «Ma il Dap queste cose non le dice – rincara la dose -: l’unica preoccupazione è evidentemente quella di migliorare la vita in cella ai detenuti. I poliziotti – conclude il segretario del Sappe – possono continuare a prendere sberle e pugni, a salvare la vita ai detenuti che tentato il suicidio nel silenzio e nell’indifferenza dell’Amministrazione penitenziaria…».

AUTOLESIONISMO – Molto preoccupanti sono anche i dati sull’autolesionismo dietro le sbarre. Campania, Puglia e Lombardia le regioni d’Italia nelle cui carceri sono contati maggiori ferimenti e colluttazioni: rispettivamente 55, 54 e 53. Mentre è nelle carceri della Toscana che si sono contati più atti di autolesionismo, 501, nel primo semestre del 2015.

firenzepost.it

 

“Per il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria le condizioni di vita dei detenuti, in linea con le prescrizioni dettate dalla sentenza Torreggiani, sono migliorate in Italia. Non si dice, però, che le tensioni del sistema penitenziario italiano continuano a scaricarsi sulle donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, quotidianamente impegnati a contrastare le tensioni e le violenze che avvengono nelle nostre carceri vedono spesso i nostri Agenti, Sovrintendenti, Ispettori picchiati e feriti dalle violenze ingiustificate di una consistente fetta di detenuti che evidentemente si sentono intoccabili”, sottolinea  Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, commentando i dati del monitoraggio disposto dal DAP per la verifica periodica degli interventi messi in atto per il miglioramento delle condizioni detentive.

“I dati sono gravi e sconcertanti e sono utili a comprenderli organicamente la situazione delle prigioni del nostro Paese: ometterli è operazione mistificatoria”, prosegue il leader del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria. “Dal 1 gennaio al 30 giugno 2015 nelle 198 carceri italiane si sono infatti contati 19 suicidi di detenuti, 2 di poliziotti penitenziari, 34 decessi per cause naturali in cella, 465 tentati suicidi sventati in tempo dai poliziotti penitenziari  e 3.163 atti di autolesionismo posti in essere da detenuti . Ancora più gravi i numeri delle violenze contro i nostri poliziotti penitenziari: parliamo di 2.095 colluttazioni e 449 ferimenti. Ogni giorno, insomma, le turbolenti carceri italiane vedono le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria fronteggiare pericoli e tensioni e per i poliziotti penitenziari in servizio le condizioni di lavoro restano pericolose e stressanti. Ma il DAP queste cose non le dice: l’unica preoccupazione, per i solerti dirigenti ministeriali, è evidentemente quella di migliorare la vita in cella ai detenuti. I poliziotti possono continuare a prendere sberle e pugni, a salvare la vita ai detenuti che tentato il suicidio nel silenzio e nell’indifferenza dell’Amministrazione penitenziaria…..”.

agenparl.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

5 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

6 La perquisizione straordinaria

7 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

8 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)