Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Pericolosi e malati mentali in giro per la città di Salerno: non ci sono i posti nelle REMS

Polizia Penitenziaria - Pericolosi e malati mentali in giro per la città di Salerno: non ci sono i posti nelle REMS


Notizia del 11/10/2017 - SALERNO
Letto (933 volte)
 Stampa questo articolo


Da venti giorni il giudice ha ordinato il ricovero dì due persone, ma le residenze per le misure di sicurezza non hanno posti. Per i giudici sono persone "socialmente pericolose", tanto che ne è stato ordinato l'immediato ricovero in Rems, le residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza, che di recente hanno sostituito gli ospedali psichiatrici giudiziari.

Eppure dall'emissione di quelle ordinanze sono già passate più di due settimane e altre rischiano di doverne trascorrere ancora, perché nelle Rems della Campania il posto non c'è e risposte negative stanno arrivando anche dalle altre residenze che il Ministero della Giustizia sta contattando in tutta Italia.

È il corto circuito di una normativa approvata nel 2014 e che a fine 2016 ha visto concludersi la fase transitoria, con la chiusura degli Opg e l'affidamento dei pazienti alle nuove strutture che dovrebbero garantire un'assistenza più attenta e, soprattutto, un percorso dì riabilitazione. Sì tratta di contemperare due esigenze: da un lato la cura della malattia psichiatrica, dall'altro la difesa sociale. Ma quando gli intenti cozzano contro i numeri, e i posti nelle residenze non bastano, il meccanismo salta. Così ci si trova davanti al paradosso che si sta sperimentando in questi giorni nel Palazzo dì giustizia di Salerno, in difficoltà ad attuare due ordinanze firmate, rispettivamente, il 20 e il 25 settembre.

Destinatari sono un uomo e una donna, autori di condotte violente che sono state ritenute frutto di una patologia mentale e tali da potersi ripetere, da un momento all'altro, se agli autori non viene prestata quell'assistenza continua e in qualche modo coatta che solo un ricovero è in grado di garantire. L'esecuzione della misura, però, si è scontrata con i numeri. Quelli, appunto, dei posti letto. Le quattro Rems della Campania (a San Nicola Baronia nell'Avellinese, Mondragone, Vairano Patenora e Calvi Risorta in provincia di Caserta) hanno risposto di essere al completo. Sono state le prime ad essere contattate dalla Procura, in base al principio di regionalizzazione posto dalla stessa normativa per provare a evitare l'allontanamento del paziente dal territorio dì origine, dove si presume abbia legami familiari e altri contatti che potrebbero supportarlo nel percorso di psicoterapia. Poi del caso è stato investito il Ministero della Giustizia, che ha inviato una richiesta ad altre quindici strutture lungo tutta la penisola: ma finora soltanto due hanno risposto (spiegando di non avere spazio) mentre per le altre si è ancora in attesa. Così a giudici e Procura non resta clic incrociare le dita, sperando che nel frattempo di un riscontro positivo non si verifichino altri episodi di violenza.

D'altronde i segnali di conti che non tornano erano arrivati nei mesi scorsi anche da altri tribunali, tanto da indurre il Consiglio superiore della magistratura a un monitoraggio che aveva dato risultati insoddisfacenti proprio sul numero dei posti letto disponibili.

E se da un lato non si riesce a eseguire con tempestività le misure di sicurezza (con buona pace della difesa sociale), l'altra faccia della medaglia e che alcuni detenuti che potrebbero lasciare il carcere per le Rems sono invece obbligati a restare in cella, lasciando così sulla strada anche l'altra esigenza che la legge vorrebbe perseguire: la terapia della patologia psichiatrica, con un'assistenza umanizzata e la fine di quelli che la stessa ministra della salute, Beatrice Lorenzin, ha definito "ergastoli bianchi".

La Città

La chiusura degli OPG: la solita buffonata ai danni dei detenuti che serve solo alle carriere politiche

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Frosinone, 5 agenti di Polizia Penitenziaria aggrediti da un detenuto

4 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

5 Poliziotto aggredito e sequestrato nel carcere di Nisida: detenuti gli rubano le chiavi e aprono le altre celle

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Petardi lanciati nel carcere di San Vittore Francesco Di Cataldo nella notte di capodanno: due Poliziotti penitenziari al pronto soccorso

8 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

9 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere

10 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 I drammi umani che ruotano intorno al carcere

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 La XVII Legislatura volge al termine. Il futuro è molto incerto

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia