Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Pericolosi e malati mentali in giro per la città di Salerno: non ci sono i posti nelle REMS

Polizia Penitenziaria - Pericolosi e malati mentali in giro per la città di Salerno: non ci sono i posti nelle REMS


Notizia del 11/10/2017 - SALERNO
Letto (851 volte)
 Stampa questo articolo


Da venti giorni il giudice ha ordinato il ricovero dì due persone, ma le residenze per le misure di sicurezza non hanno posti. Per i giudici sono persone "socialmente pericolose", tanto che ne è stato ordinato l'immediato ricovero in Rems, le residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza, che di recente hanno sostituito gli ospedali psichiatrici giudiziari.

Eppure dall'emissione di quelle ordinanze sono già passate più di due settimane e altre rischiano di doverne trascorrere ancora, perché nelle Rems della Campania il posto non c'è e risposte negative stanno arrivando anche dalle altre residenze che il Ministero della Giustizia sta contattando in tutta Italia.

È il corto circuito di una normativa approvata nel 2014 e che a fine 2016 ha visto concludersi la fase transitoria, con la chiusura degli Opg e l'affidamento dei pazienti alle nuove strutture che dovrebbero garantire un'assistenza più attenta e, soprattutto, un percorso dì riabilitazione. Sì tratta di contemperare due esigenze: da un lato la cura della malattia psichiatrica, dall'altro la difesa sociale. Ma quando gli intenti cozzano contro i numeri, e i posti nelle residenze non bastano, il meccanismo salta. Così ci si trova davanti al paradosso che si sta sperimentando in questi giorni nel Palazzo dì giustizia di Salerno, in difficoltà ad attuare due ordinanze firmate, rispettivamente, il 20 e il 25 settembre.

Destinatari sono un uomo e una donna, autori di condotte violente che sono state ritenute frutto di una patologia mentale e tali da potersi ripetere, da un momento all'altro, se agli autori non viene prestata quell'assistenza continua e in qualche modo coatta che solo un ricovero è in grado di garantire. L'esecuzione della misura, però, si è scontrata con i numeri. Quelli, appunto, dei posti letto. Le quattro Rems della Campania (a San Nicola Baronia nell'Avellinese, Mondragone, Vairano Patenora e Calvi Risorta in provincia di Caserta) hanno risposto di essere al completo. Sono state le prime ad essere contattate dalla Procura, in base al principio di regionalizzazione posto dalla stessa normativa per provare a evitare l'allontanamento del paziente dal territorio dì origine, dove si presume abbia legami familiari e altri contatti che potrebbero supportarlo nel percorso di psicoterapia. Poi del caso è stato investito il Ministero della Giustizia, che ha inviato una richiesta ad altre quindici strutture lungo tutta la penisola: ma finora soltanto due hanno risposto (spiegando di non avere spazio) mentre per le altre si è ancora in attesa. Così a giudici e Procura non resta clic incrociare le dita, sperando che nel frattempo di un riscontro positivo non si verifichino altri episodi di violenza.

D'altronde i segnali di conti che non tornano erano arrivati nei mesi scorsi anche da altri tribunali, tanto da indurre il Consiglio superiore della magistratura a un monitoraggio che aveva dato risultati insoddisfacenti proprio sul numero dei posti letto disponibili.

E se da un lato non si riesce a eseguire con tempestività le misure di sicurezza (con buona pace della difesa sociale), l'altra faccia della medaglia e che alcuni detenuti che potrebbero lasciare il carcere per le Rems sono invece obbligati a restare in cella, lasciando così sulla strada anche l'altra esigenza che la legge vorrebbe perseguire: la terapia della patologia psichiatrica, con un'assistenza umanizzata e la fine di quelli che la stessa ministra della salute, Beatrice Lorenzin, ha definito "ergastoli bianchi".

La Città

La chiusura degli OPG: la solita buffonata ai danni dei detenuti che serve solo alle carriere politiche

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Via la Polizia Penitenziaria dai Tribunali: vigilanza affidata a ditte private per recuperare un centinaio di Poliziotti dall''organico delle carceri, ma la Madia ne ha tagliati seimila

2 Quanto guadagna un poliziotto penitenziario?

3 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

4 Ministro Orlando annuncia nuove assunzioni: 48 poliziotti in più nel 2017 e 57 come anticipo 2018

5 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

6 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

7 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

8 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare

9 Al via il concorso per agenti di Polizia Penitenziaria: 197 posti disponibili

10 Vice Capo DAP Del Gaudio parla della sorveglianza dinamica e celle aperte: commissione per valutarne l''attuazione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

3 Il piano per azzerare la memoria della Polizia Penitenziaria con la scusa del decreto trasferimenti

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 Decreto Orlando sulla mobilità del personale: ma perchè il Ministro invece di perder tempo coi videomessaggi non istituisce la direzione generale del Corpo?

7 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

8 Dopo la circolare sul pacco dell''Ente Assistenza e Carità, i dubbi sulla nuova circolare: pagamenti vitto uniformi e armi

9 Scomparso stamattina a Roma il Professor Lionello Pascone, generale in congedo del Corpo di Polizia Penitenziaria

10 Riforma penitenziaria di fine legislatura, che forse favorisce solo il solito Gattopardo