Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Perizia del GIP, Cucchi morì di epilessia: ora le scuse alla Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Perizia del GIP, Cucchi morì di epilessia: ora le scuse alla Polizia Penitenziaria


Notizia del 04/10/2016 - ROMA
Letto (9353 volte)
 Stampa questo articolo


Quella di Stefano Cucchi è stata una "morte improvvisa ed inaspettata per epilessia in un uomo con patologia epilettica di durata pluriennale, in trattamento con farmaci anti-epilettici". E' l'ipotesi "dotata di maggiore forza ed attendibilità" adottata dai periti incaricati dal giudice delle indagini preliminari di Roma per accertare l'entità e l'effettiva portata delle lesioni patite da Stefano.

Askanews

 

“Continuiamo a seguire con attenzione gli sviluppi giudiziari dell’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. E’ del tutto evidente che le conclusioni a cui sono arrivati i periti nominati dal gip Elvira Tamburelli nell’ambito dell’incidente probatorio, ossia che il giovane sarebbe morto "improvvisamente" alla luce del suo precario stato di salute, forniscono ulteriori spunti di riflessione. Noi riteniamo, una volta di più, che tutti coloro che formularono – mediaticamente e politicamente - accuse false ed affrettate contro appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, senza per altro avere alcuna prova che pure non poteva esserci, debbano farsi un serio esame di coscienza ed avere la dignità di domandare scusa”.

Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, la prima e più rappresentativa organizzazione dei Baschi Azzurri.

“Abbiamo detto da subito di essere solidali con la famiglia Cucchi per la perdita del loro familiare. Lo ribadiamo oggi. Ma siamo anche fieri del nostro lavoro quotidiano e certi della nostra abnegazione al servizio del Paese. Per questo abbiamo confidato nella magistratura”, prosegue. “Eppure, da subito vennero formulate accuse gravi, anche da autorevoli politici e taluni membri dell’Esecutivo Berlusconi, contro la Polizia Penitenziaria, senza avere alcuna conoscenza dei fatti. Esiste la verità processuale, che è quella che si forma nel dibattimento e che è l’unica verità che può interessarci in questo caso. E la vicenda processuale legata alla morte di Stefano Cucchi ha chiarito un aspetto per noi molto importante. Sia la sentenza di primo grado che quella di appello hanno assolto i poliziotti penitenziari che lavorano a piazzale Clodio, presso il Palazzo di Giustizia di Roma, dalle accuse (non suffragate da alcuna prova!) loro mosse. Lo hanno accertato due Corti, 4 giudici togati, 12 giudici popolari.”.

Il SAPPE ricorda infine che già nel dicembre 2009, “la rigorosa inchiesta amministrativa disposta dall’allora Capo del dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria Franco Ionta sul decesso di Stefano Cucchi escluse responsabilità, da parte del personale di Polizia Penitenziaria, in particolare di quello che opera nelle celle detentive del palazzo di Giustizia a Roma”.

Sappe Informa

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

2 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

3 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

8 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

9 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

10 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Transito a ruolo civile. È legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia