Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Perrone trasferito nel carcere di alta sicurezza di Catanzaro:

Polizia Penitenziaria - Perrone trasferito nel carcere  di alta sicurezza di Catanzaro:


Notizia del 12/01/2016 - CATANZARO
Letto (2050 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo Ulisse, che lì fu accolto e raccontò la sua storia, anche Fabio Perrone ha raggiunto Catanzaro. Il 42enne di Trepuzzi lo ha fatto, però, da detenuto, scortato da numerosi agenti. Su disposizione del Dap (il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) l’ex latitante catturato all’alba di sabato dagli agenti della squadra mobile e della Polizia Penitenziaria, è stato trasferito nella casa circondariale di Catanzaro Siano. Si tratta una struttura detentiva destinata a ospitare circa 600 detenuti, parte di cui nel cosiddetto circuito dell’alta sicurezza. Un trasferimento per motivi di sicurezza, dopo la sanguinosa evasione dall’ospedale “Vito Fazzi” e il ferimento di due agenti di Polizia Penitenziaria e di un paziente del nosocomio.

Le indagini coordinate dai sostituti procuratori Guglielmo Cataldi e Stefania Mininni stanno cercando di fare luce sui 63 giorni trascorsi da “Triglietta” da latitante. Gli inquirenti vogliono smantellare la rete di fiancheggiatori e sodali del 42enne condannato all’ergastolo per l’omicidio di Fatmir Makovic, 45enne montenegrino residente nel campo “Panareo”, e il tentato omicidio del figlio, avvenuti il 29 marzo 2014 in un bar di Trepuzzi. Un omicidio dalle dinamiche ancora in parte oscure, così come la figura di Perrone, balzato nuovamente alle cronache dopo una condanna già scontata e un lungo oblio. Il processo d'appello è stato fissato al primo febbraio.

lecceprima.itl

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Due Agenti della Polizia Penitenziaria delle scorte soccorrono una bambina in preda ad una crisi epilettica

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Airola, clamorosa fuga dal carcere minorile. Sappe: evasione prevedibile: sicurezza era al minimo

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

9 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

10 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

3 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

4 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

5 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

6 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

7 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

8 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

9 Riordino delle carriere: analisi dei contenuti del parere favorevole del Consiglio di Stato

10 Riordino delle carriere: il Governo tuteli sindacati e co.ce.r. che sostengono il progetto del riordino contro la disinformazione