Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Perrone voleva evadere già dalla scorsa estate: un rapporto della Procura lo aveva comunicato al DAP

Polizia Penitenziaria - Perrone voleva evadere già dalla scorsa estate: un rapporto della Procura lo aveva comunicato al DAP


Notizia del 10/11/2015 - LECCE
Letto (1600 volte)
 Stampa questo articolo


Fabio Perrone, l'ergastolano evaso sabato 6 novembre scorso dall'ospedale Vito Fazzi di Lecce facendo fuoco sui Poliziotti che lo sorvegliavano aveva con ogni probabilità già progettato di evadere la scorsa estate dal carcere salentino di Borgo San Nicola, dov'era detenuto.

La circostanza emerge da un'informativa inviata alla Procura di Lecce nel giugno scorso. Il particolare è stato confermato dal procuratore di Lecce, Cataldo Motta.

Nel rapporto investigativo veniva segnalato un possibile piano di fuga del detenuto in occasione dell'udienza del 23 giugno scorso, al termine della quale Perrone è stato condannato all'ergastolo col rito abbreviato per il delitto del montenegrino Fatmin Makovic e del tentato omicidio del figlio 16enne.

L'informativa venne subito comunicata al Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria e ai responsabili locali. Il giorno del processo vennero intensificati i controlli e le misure di sicurezza, ma non accadde nulla. Il pericoloso pregiudicato ha poi messo a segno il suo piano di evasione sabato scorso, mentre era all’ospedale di Lecce in attesa di un esame di colonscopia. È riuscito con uno stratagemma ad impadronirsi della pistola di ordinanza di una delle due guardie che lo avevano in custodia e non si è fatto specie di esplodergli alcuni colpi di pistola che lo hanno ferito alla gambe per guadagnarsi la fuga. Una volta giunto nel parcheggio dell’Azienda ospedaliera ha quindi rapinato una donna della sua auto ed è fuggito, facendo perdere le sue tracce.

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?