Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Pestaggi e minacce tra detenuti per assumere il controllo del carcere di Lecce: undici detenuti a processo

Polizia Penitenziaria - Pestaggi e minacce tra detenuti per assumere il controllo del carcere di Lecce: undici detenuti a processo


Notizia del 06/09/2016 - LECCE
Letto (2334 volte)
 Stampa questo articolo


Pestaggi e spedizioni punitive per imporre la propria egemonia all’interno di una sezione di Borgo “San Nicola”. A suon di minacce e ritorsioni. Un’alleanza sigillata da un ristretto gruppo di detenuti – composto da leccesi, brindisini ed un barese – per punire chiunque osava opporsi. Ricorrendo sistematicamente a intimidazioni e rappresaglie. Spesso molto violente. Il pubblico ministero Roberta Licci ha emesso un decreto di citazione diretta a giudizio nei confronti di undici detenuti accusati, a vario titolo, di violenza privata aggravata e lesioni personali aggravate: Gianluca Fuso, 40enne e Marco De Tommasi, di 39, entrambi leccesi; Antonio Mogavero, 33 anni, di Campi Salentina; Massimiliano Cordella, 37enne di Nardò; Giuseppe Galiano, 43enne di Mesagne; Luigi Colangelo, 33, di Trani; Pietro Guarnieri, 43enne, di Ostuni; Giovanni Gasbarro, 41enne e Cosimo Rodia, 34, entrambi residenti a Francavilla Fontana; Mario Sciolti, 24enne e Annibale Scolti, di 34, questi ultimi di Fasano. Il processo si aprirà il prossimo 20 settembre dinanzi al giudice monocratico della prima sezione penale Sergio Tosi.

L’inchiesta è stata avviata grazie alle denunce di alcuni detenuti. Stanchi delle aggressioni subite hanno deciso rompere il silenzio e abbattere il muro dell’omertà. Intimidazioni andate avanti per circa tre mesi. Da marzo a maggio di un anno fa. Diversi gli episodi accertati. Per i motivi più disparati. Contro alcuni detenuti affinchè chiedessero il trasferimento in altri reparti o per costringere altri reclusi ad accogliere determinati compagni nella propria cella. C’è poi il caso di un detenuto malmenato perchè ritenuto colpevole di essersi macchiato di reati giudicati infamanti. Lo stesso trattamento sarebbe stato riservato ad un altro detenuto. Non sarebbe stato gradito il ritrovamento di alcuni grammi di marijuana nella sua cella. Venne così punito. Con calci e pugni.

C’è poi l’intimidazione ad un giovane di inscenare una protesta per la qualità del vitto somministrato dall’Amministrazione Penitenziaria. Se si fosse opposto sarebbe stato picchiato. A quasi un anno di distanza alcuni dei presunti responsabili dei pestaggi sono stati trasferiti. Non si trovano più a Borgo “San Nicola”. Un provvedimento resosi necessario in virtù del clima di soggezione e di terrore che si era ormai diffuso tra gli stessi detenuti. Gli indagati sono assistiti d’ufficio dagli avvocati Giovanni Erroi, Fulvio Pedone, Francesca Conte, Vincenzo Pennetta, Evelina Pascariello, Salvatore Piccolo, Silvio Giardiniero, Enrico Cimmino, Michela Mazzotta, Lavinia Gala, Silvio Verri e Giacinto De Spirito.

corrieresalentino.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb

10 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia