Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Pestaggi e minacce tra detenuti per assumere il controllo del carcere di Lecce: undici detenuti a processo

Polizia Penitenziaria - Pestaggi e minacce tra detenuti per assumere il controllo del carcere di Lecce: undici detenuti a processo


Notizia del 06/09/2016 - LECCE
Letto (1965 volte)
 Stampa questo articolo


Pestaggi e spedizioni punitive per imporre la propria egemonia all’interno di una sezione di Borgo “San Nicola”. A suon di minacce e ritorsioni. Un’alleanza sigillata da un ristretto gruppo di detenuti – composto da leccesi, brindisini ed un barese – per punire chiunque osava opporsi. Ricorrendo sistematicamente a intimidazioni e rappresaglie. Spesso molto violente. Il pubblico ministero Roberta Licci ha emesso un decreto di citazione diretta a giudizio nei confronti di undici detenuti accusati, a vario titolo, di violenza privata aggravata e lesioni personali aggravate: Gianluca Fuso, 40enne e Marco De Tommasi, di 39, entrambi leccesi; Antonio Mogavero, 33 anni, di Campi Salentina; Massimiliano Cordella, 37enne di Nardò; Giuseppe Galiano, 43enne di Mesagne; Luigi Colangelo, 33, di Trani; Pietro Guarnieri, 43enne, di Ostuni; Giovanni Gasbarro, 41enne e Cosimo Rodia, 34, entrambi residenti a Francavilla Fontana; Mario Sciolti, 24enne e Annibale Scolti, di 34, questi ultimi di Fasano. Il processo si aprirà il prossimo 20 settembre dinanzi al giudice monocratico della prima sezione penale Sergio Tosi.

L’inchiesta è stata avviata grazie alle denunce di alcuni detenuti. Stanchi delle aggressioni subite hanno deciso rompere il silenzio e abbattere il muro dell’omertà. Intimidazioni andate avanti per circa tre mesi. Da marzo a maggio di un anno fa. Diversi gli episodi accertati. Per i motivi più disparati. Contro alcuni detenuti affinchè chiedessero il trasferimento in altri reparti o per costringere altri reclusi ad accogliere determinati compagni nella propria cella. C’è poi il caso di un detenuto malmenato perchè ritenuto colpevole di essersi macchiato di reati giudicati infamanti. Lo stesso trattamento sarebbe stato riservato ad un altro detenuto. Non sarebbe stato gradito il ritrovamento di alcuni grammi di marijuana nella sua cella. Venne così punito. Con calci e pugni.

C’è poi l’intimidazione ad un giovane di inscenare una protesta per la qualità del vitto somministrato dall’Amministrazione Penitenziaria. Se si fosse opposto sarebbe stato picchiato. A quasi un anno di distanza alcuni dei presunti responsabili dei pestaggi sono stati trasferiti. Non si trovano più a Borgo “San Nicola”. Un provvedimento resosi necessario in virtù del clima di soggezione e di terrore che si era ormai diffuso tra gli stessi detenuti. Gli indagati sono assistiti d’ufficio dagli avvocati Giovanni Erroi, Fulvio Pedone, Francesca Conte, Vincenzo Pennetta, Evelina Pascariello, Salvatore Piccolo, Silvio Giardiniero, Enrico Cimmino, Michela Mazzotta, Lavinia Gala, Silvio Verri e Giacinto De Spirito.

corrieresalentino.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?