Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Piano Carceri: entro un anno il nuovo carcere a Bolzano in project financing

Polizia Penitenziaria - Piano Carceri: entro un anno il nuovo carcere a Bolzano in project financing


Notizia del 01/02/2014 - BOLZANO
Letto (3543 volte)
 Stampa questo articolo


Se tutto procederà secondo i piani sarà pronto entro due anni il primo carcere privato in Italia, frutto di project financing a lungo termine che vede coinvolti la provincia autonoma di Bolzano, soggetti privati e il Ministero della Giustizia. “Non un hotel a 5 stelle, ma una struttura adeguata, vivibile, con spazi di socialità, di formazione e lavoro che garantiscano la dignità della persona e facilitino il suo reinserimento", aveva sottolineato al momento della presentazione, nel mese di luglio, l’allora presidente della provincia autonoma di Bolzano, Luis Durnwalder.

Lo scorso 8 gennaio sono state aperte le buste con le sei offerte ricevute, “non poche se si pensa alla complessità di questa specifica procedura e al fatto che si tratta della prima gara bandita in modalità di project financing PPP in Italia per un istituto penitenziario", ha sottolineato Durnwalder. Solo dopo l'esame e la valutazione della documentazione sarà possibile emettere un verdetto sul nome dell'aggiudicatario. “I programmi di socializzazione proposti avranno un peso importante nel punteggio finale - aveva assicurato mesi fa Durnwalder -. I criteri di valutazione, infatti, puntano molto sulla qualità”.  I costi dell'opera, comprensivi di lavori, arredi, imprevisti e Iva, sono stimati in 63 milioni di euro, cui si aggiungono i 14 milioni spesi per l'esproprio delle superfici.

Il futuro carcere avrà una capienza di 200 detenuti, 100 operatori di Polizia Penitenziaria, 30 posti per agenti in caserma, 25 unità di personale civile. Al di fuori della cinta muraria sono previsti il controllo accessi, la direzione, gli relativi alloggi e la sezione dei detenuti semiliberi. All’interno della cinta muraria, oltre alla sezione di reclusione saranno ricavati l'infermeria, gli spazi per il lavoro, una sala polivalente, una palestra, i servizi cucina e lavanderia. Il nuovo istituto sostituirà quello esistente, che risale al 1895: concepito per 80-90 persone, oggi ne contiene 125. Non ci sarà una sezione femminile, perché al momento le detenute altoatesine sono poche, in media fra le 3 e le 5.

Gli indirizzi di progettazione - lo studio di fattibilità e la costruzione modulare - sono indicati dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, responsabile della futura struttura. L'aggiudicatario della gara - che avrà una concessione ventennale - oltre a costruire l’istituto dovrà fornire gli arredi e le apparecchiature necessarie al funzionamento e alla gestione del carcere. Sempre il privato avrà in capo la manutenzione ordinaria e straordinaria, la gestione delle utenze, il servizio mensa dei detenuti e il bar interno del personale, i servizi lavanderia e pulizia. Gestirà anche le attività sportive, formative e ricreative. Le mansioni di sicurezza resteranno appannaggio della Polizia Penitenziaria e dunque a carico dello Stato.

I prossimi step dell’iter burocratico prevedono tra gennaio e giugno 2014  la progettazione esecutiva del nuovo carcere, da luglio 2014 a giugno 2016 la conclusione dei lavori.

Redattore Sociale

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo