Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Piano carceri, M5S: ci volevano querelare, ora scoprono che avevamo ragione

Polizia Penitenziaria - Piano carceri, M5S: ci volevano querelare, ora scoprono che avevamo ragione


Notizia del 26/06/2014 - ROMA
Letto (1537 volte)
 Stampa questo articolo


Quando il Governo Letta ci ha presentato il primo decreto svuota-carceri avevamo fatto subito presente i problemi della struttura commissariale: ogni volta che ci sono deroghe al codice degli appalti si annidano i germi della corruzione.
Ad agosto 2013 avevamo presentato una proposta di piano carceri che costava la metà rispetto al piano carceri governativo. Ovviamente la maggioranza l'ha bocciato. Abbiamo continuato ad esplicitare, durante tutte le audizioni, i nostri dubbi sull'utilizzo della struttura commissariale, in deroga agli appalti delle carceri.

A gennaio 2014, il capogruppo di commissione Giustizia Andrea Colletti, denunciava direttamente alla Cancellieri (allora Ministro della Giustizia) la delega in bianco ad un Commissario Straordinario per il Piano Carceri, Angelo Sinesio, che poteva agire liberamente e senza adeguata trasparenza, anche tramite la segretazione delle procedure di affidamento. La Cancellieri aveva minacciato la querela per aver messo in dubbio l'affidabilità del Commissario straordinario per il Piano Carceri, che - a suo dire - veniva svolta nel pieno rispetto delle regole ed in modo assolutamente trasparente.

Per dover di cronaca: Sinesio era il vice della Cancellieri prefetto, quando era a Catania. Di poi è stato capo della segreteria tecnica al Viminale quando la Cancellieri era ministro dell'Interno, ed è stato nominato commissario del piano carceri nel dicembre 2012, quando Cancellieri era ministro della Giustizia. Diciamo una collaborazione lunga e proficua tra Cancellieri e Sinesio. Per la Cancellieri, Sinesio era l'uomo giusto per risolvere i problemi della giustizia, da sempre.

Com'è andata a finire? Oggi Angelo Sinesio è indagato dalla Procura di Roma per falso, abuso d'ufficio e diffamazione.

Secondo gli inquirenti avrebbe tenuto nascosti alcuni atti anticipando le gare di appalto, impedendo di fatto ad alcune ditte di prendervi parte. Con Sinesio sono indagati anche una serie di imprenditori e funzionari pubblici. Tra questi Sergio Minotti, 50 anni, direttore dei lavori per il nuovo padiglione del carcere di Voghera, che secondo l'accusa avrebbe agito, in concorso insieme con la funzionaria del Prap (Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria), Raffaella Melchionna.

Entrambi sono accusati di corruzione. Secondo l'accusa "per lo svolgimento delle loro funzioni di controllo nell'esecuzione dei lavori, in violazione dei doveri di imparzialità della pubblica amministrazione, gli indagati ricevevano dalla ditta aggiudicataria dei lavori "Devi Impianti", riconducibile a Gino Pino e Davide Pino, utilità consistenti" per attribuire "contratti di forniture alla "Me.Ta Costruzioni", della quale è amministratore e socio unico Marco Melchionna, padre di Raffaella, e responsabile tecnico Antonio Melchionna, fratello della stessa e figlio di Marco Melchionna". La politica dovrebbe contrastare la corruzione, anziché facilitarla. Avevamo fatto notare da subito i problemi, non ci hanno voluto ascoltare. Oggi ne paghiamo tutti le conseguenze.

beppegrillo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

7 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane