Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Pianosa: quel carcere di ‘massima’ sicurezza in uno Stato d’abbandono

Polizia Penitenziaria - Pianosa: quel carcere di ‘massima’ sicurezza in uno Stato d’abbandono


Notizia del 21/07/2014 - LIVORNO
Letto (2055 volte)
 Stampa questo articolo


Pianosa è un’isola dell’Arcipelago toscano, abitata oggi da meno di venti persone (di cui uno solo con residenza). E’ più famosa per aver recluso Sandro Pertini negli anni trenta che per la sua bellezza. Via mare dista meno di un’ora dall’Elba, ma quando ti ci trovi è distante da tutto e da sempre. Un tempo ospitava vita, lavoro, cittadini. Ora una cooperativa di volontari e detenuti in regime di semilibertà gestisce il bar ristorante, un piccolo albergo e poco altro. Il resto è case vuote, decrepite e pericolanti, agonia per il tempo.

L’Associazione per la difesa dell’isola di Pianosa, una Onlus di cittadini elbani, è tutto ciò che resta per rallentare la clessidra della storia che sbriciola i ricordi, ogni estate allestisce sull’isola una preziosa mostra fotografica con ingresso libero, i proventi raccolti con la vendita di qualche libro e altro sono utilizzati per recuperare un pezzo alla volta questo patrimonio di tutti. Contemporaneamente lo Stato le chiede l’affitto dei locali che occupa.
L’acqua è cristallina, i rintocchi del tempo sono scanditi dalla natura. Tutto è lontano, quantomeno è altrove e l’isolamento è come una vertigine per chi vive circondato dal cemento.
Faccio due passi fra le strade vuote, viuzze deserte, strisce pedonali per cittadini inesistenti. Incontro un fantasma che mi fa ripiombare nel presente, nel cemento, nella cronaca, nell’isolamento che va oltre: Pianosa fu carcere di massima sicurezza.

Dal sito dell’Associazione per la difesa dell’isola di Pianosa:
“Negli anni ’80 si comincia a prospettare l’ipotesi di chiusura del carcere. In seguito all’emergenza dettata dagli attentati ai magistrati Falcone e Borsellino, il governo decide la immediata riapertura del carcere di massima sicurezza sull’isola, relegandovi i detenuti per reati di tipo mafioso. Questa nuova situazione trasforma Pianosa in una fortezza, inaccessibile a tutti, con la sezione Agrippa a sua volta separata dal resto dell’isola; Pianosa viene vigilata giorno e notte da Agenti di Custodia, Carabinieri, Polizia, vengono istituiti rigidissimi divieti di sorvolo e di navigazione nelle acque circostanti. L’emergenza si protrae fino al luglio 1997, quando l’ultimo detenuto per mafia viene trasferito dall’isola ad altre sedi di reclusione sul continente, e per il carcere di Pianosa si ricomincia a parlare di chiusura. Una chiusura quasi definitiva nell’agosto del 1998, non essendo rimaste sull’isola che poche forze dell’ordine con compiti di vigilanza e di guardia alle strutture.”
Il mare non piace ai mafiosi, l’isola è complicata, è difficile comunicare con i detenuti eccellenti, l’acqua salata si mangia ogni tentativo di comunicare dentro/fuori. Acqua in bocca. La mafia non digerisce, la mafia tratta, la mafia impone, il resto obbedisce. Eppure il fantasma mi racconta che nel ’97 viene terminata la ristrutturazione della caserma che avrebbe dovuto ospitare la Polizia di Stato, perfettamente funzionante e collaudata, mai utilizzata, miliardi inabissati: l’anno dopo il carcere di Pianosa chiude per sempre. La mafia non sa nuotare, preferisce un carcere più…accessibile.
Di colpo scompare il mare e mi ricordo chi erano Falcone e Borsellino: un’occasione persa.

ilfattoquotidiano
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

5 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte