Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

Polizia Penitenziaria - Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè


Notizia del 08/02/2018 - ROMA
Letto (7211 volte)
 Stampa questo articolo


Già all’inizio di quest’anno si parlava di un possibile accorpamento della Polizia Penitenziaria. Ed è venuto subito alla memoria l’accorpamento del Corpo Forestale con l’Arma dei Carabinieri, fatto che suscitò molte polemiche e discussioni. L’accorpamento della Polizia Penitenziaria alla Polizia di Stato non sarebbe salutato così negativamente, tantomeno dalla Polizia Penitenziaria stessa. Va comunque detto che al momento non è previsto nessun accorpamento, anche perché la questione non risulta di così facile realizzazione, viste le mansioni strettamente specifiche della Polizia Penitenziaria.

Polizia Penitenziaria: accorpamento o no? Ecco le funzioni del corpo

A inizio anno Informazione Fiscale riepilogò i compiti della Polizia Penitenziaria, facendo riferimento alla Legge 395/1990. In questa legge si snocciolano compiti e doveri dei membri della Polizia Penitenziaria. Vale a dire: garantire l’esecuzione delle misure privative della libertà personale; assicurare l’ordine all’interno degli istituti di prevenzione e tutelarne la sicurezza; partecipare attivamente all’osservazione e alla rieducazione dei detenuti; espleta il servizio di traduzione dei detenuti e internati e il servizio di piantonamento dei detenuti e internati ricoverati in luoghi esterni di cura. Inoltre, gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria non possono essere impiegati in mansioni che non siano direttamente connesse ai servizi di istituto.

Polizia Penitenziaria: il sistema funziona?

In un articolo scritto da Federico Olivo su PoliziaPenitenziaria.it, si parla però di un sistema fallimentare e non del miglior sistema penitenziario al mondo. “Il sistema penitenziario, con tutti i suoi magistrati e dirigenti, amministrativi, politici, volontari e garanti, non funziona”. Da qui, si legge, sono emerse operazioni politiche e mediatiche. Da un lato la possibilità di smembrare il Corpo di Polizia Penitenziaria “smantellandone ogni organo che potesse raggiungere visibilità e meriti all’esterno”. Dall’altro, “svuotare di significato il concetto stesso di carcere, travasando la popolazione detenuta dall’interno delle carceri all’esterno”. Una misura quest’ultima che ha contribuito a creare il Dipartimento della giustizia minorile e di comunità.

Olivo ipotizza tre scenari. Tutto resterà così com’è  fino a quando non avverrà un episodio che sfocerà in un intervento di emergenza già bell’e pronto. Il riferimento è però alle carenze di organico, che attualmente si cerca di compensare tramite concorsi pubblici.

La seconda ipotesi è che la Polizia Penitenziaria venga smantellata e il personale “diviso tra chi vorrà restare in carcere come Corpo di Giustizia senza funzioni di polizia e il restante transiterà nella Polizia di Stato con funzioni tutte da scoprire”. La terza e ultima ipotesi consiste nella formazione di un nuovo contingente nell’anello esterno delle carceri, con funzioni da pronto intervento per situazioni di emergenza.

Accorpamento Polizia Penitenziaria: le ultime notizie

Oltre all’accorpamento con la Polizia di Stato c’è un’altra ipotesi per ora ufficiosa che sta in piedi. L’accorpamento con l’Arma dei Carabinieri, e la conseguente creazione di un corpo speciale dei Carabinieri Penitenziari. Ciò aiuterebbe a migliorare l’efficacia delle attività di controllo esterno. E a razionalizzare le forze di Polizia, che sarebbero quindi definitivamente ridotte. Ma per un corpo – quello dei Carabinieri – che accoglierebbe con favore tale novità, ce n’è un altro (quello della Polizia) che invece farebbe le dovute resistenze; appellandosi alla bozza già esistente di accorpamento della Polizia Penitenziaria con la Polizia di Stato.

Come di consueto, la palla passa a ciò che avverrà il 4 marzo; ovvero a chi uscirà vincitore dalle prossime elezioni politiche. Anche in virtù del fatto che potrebbe non esserci nessun vincitore per il momento. E che tutto possa essere ulteriormente rimandato. Ma qualunque sia la forza politica che andrà al governo, dovrà comunque decidere se far restare tutto così com’è, con i difetti in essere; oppure dover ragionare con Polizia di Stato o Carabinieri al momento della scelta  finale.

fonte: termometropolitico.it

 

La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

 

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

8 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

9 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Ma chi siamo?

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia