Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Polizia penitenziaria arresta mamma 61enne per droga.

Notizia del 04/09/2011 - CAMPOBASSO

Polizia penitenziaria arresta mamma 61enne per droga.

letto 2159 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Finisce in manette ma viene soltanto trasferita di penitenziario. E’ quanto accaduto a T.A. sessantenne della provincia di Napoli nella tarda mattinata di ieri. La donna è entrata nel penitenziario di via Cavour per far visita al figlio. Ma non aveva portato soltanto lasagne e babà al suo ragazzo. Sapendo della forte dipendenza da sostanze stupefacenti aveva nascosto nel suo reggiseno una dose di droga. Sperando di farla franca e donare al suo ragazzo quello che gli serviva per sopportare al meglio le condizioni carcerarie. Ma la sua azione non è passata inosservata al cane poliziotto antidroga di nome Alf. P r o n t a m e n t e sguinzagliato durante la visita amici e parenti prima dell’ingresso in carcere. Hanno portato a termine, grazie al suo fiuto, l’operazione la polizia penitenziaria di Campobasso e il gruppo cinofili del distaccamento di Benevento. Che al primo segnale di Alf hanno provveduto prontamente a fermare la donna. Immediatamente perquisita dagli agenti presenti nell’atrio dell’istituto di pena in quel momento. Durante la perquisizione i poliziotti le hanno trovato addosso, in un involucro ben sigillato, oltre cinque grammi di hashish. La mamma campana deve ora rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

STATISTICHE CARCERI REGIONE MOLISE
Statistiche carceri Regione Molise







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera