Polizia Penitenziaria ed operatori delle carceri: è indifferibile far fronte alla preoccupante scopertura della vigente pianta organica della Polizia Penitenziaria per ripristinare le condizioni, oggi del tutto assenti, di minima sicurez" />

  Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Polizia Penitenziaria e carceri: il programma del Movimento 5 Stelle

Polizia Penitenziaria - Polizia Penitenziaria e carceri: il programma del Movimento 5 Stelle


Notizia del 02/03/2018 - ROMA
Letto (12681 volte)
 Stampa questo articolo


Polizia Penitenziaria ed operatori delle carceri: è indifferibile far fronte alla preoccupante scopertura della vigente pianta organica della Polizia Penitenziaria per ripristinare le condizioni, oggi del tutto assenti, di minima sicurezza e legalità all'interno delle carceri e, nel contempo favorire, attraverso un'adeguata sorveglianza dei ristretti, il monitoraggio dei percorsi di rieducazione e riabilitazione di questi ultimi mediante una costante presenza di tutte le figure che operano nel circuito penale esterno, previsti dalla vigente dotazione organica del Dap. A tal fine è necessaria l’assunzione straordinaria di ulteriori 4.000 Agenti di Polizia Penitenziaria e una revisione del taglio della pianta organica​, lo sblocco dei contratti ed un intervento sui concorsi interni oltre l’assunzione di 500 tra operatori socio-pedagogici e psicologi e operatori amministrativi. ​Si dovrà inoltre intervenire con forza sulla qualità della vita lavorativa degli Agenti di Polizia Penitenziaria, ​in particolare sulle tutele e sulle strutture, anche prevedendo un servizio di assistenza psicologica per aiutare gli agenti in difficoltà visti i numerosi suicidi.

IL PROGRAMMA COMPLETO

Edilizia carceraria: la realizzazione di almeno due nuove strutture (in Campania ed in Lombardia) e, con priorità, l'ampliamento e l'ammodernamento di quelle esistenti che siano adattabili. Dovranno essere inoltre previste risorse per la riparazione degli strumenti di sicurezza all’interno delle stesse e per la ristrutturazione degli spazi di lavoro della Polizia Penitenziaria e dei luoghi di rieducazione dei detenuti.

Carceri sicure: oltre al citato piano assunzionale per la Polizia Penitenziaria – debbono essere efficienti gli attuali sistemi videosorveglianza e dei sistemi di anti-scavalcamento, e la predisposizione di un piano di rinnovo tecnologico dei sistemi di controllo dei detenuti e delle loro comunicazioni. Nonché la revisione della vigilanza dinamica nelle carceri, valutando l’effettiva funzionalità rispetto al carattere dei detenuti e alle possibilità in termini di sicurezza garantita dalla Polizia Penitenziaria.

Baby-boss: eliminare la possibilità di trattamento minorile per gli infraventicinquenni, come inserito dall’ultima riforma PD e riportare il trattamento agli under 18.

Lavoro in carcere: potenziamento del lavoro in carcere e dei lavori di pubblica utilità per la comunità svolti dai carcerati, anche attraverso la collaborazione con la Protezione Civile per gli interventi di prevenzione delle catastrofi, protocolli per corsi di formazione lavorativa obbligatoria in carcere, rigidi controlli per chi lavora e per i volontari all’interno delle carceri stesse. I programmi di rieducazione dovranno essere sempre applicati con lavori che potranno dare una formazione adeguata al reinserimento lavorativo una volta finito il percorso carcerario.

Lavoro di pubblica utilità, sanzioni e misure alternative: revisione e razionalizzazione delle misure e sanzioni alternative al carcere con il potenziamento del lavoro di pubblica utilità obbligatorio ed effettivo, in modo da garantire la certezza della pena ed un risarcimento alla collettività creando una nuova organizzazione in collaborazione con gli enti locali. Introduzione della specializzazione di "Esecuzione penale esterna" nel Corpo di Polizia Penitenziaria per i controlli sulle misure alternative, in raccordo con le altre Forze di Polizia sul territorio. Per la liberazione anticipata si calcoleranno 30 giorni ogni 6 mesi avendo però già scontato almeno ¼ della pena e si dovrà riformare la valutazione per la concessione dei benefici penitenziari in modo che sia reale e scientifica e non una mera prassi per buona condotta. Severi i controlli anche per l’attività di volontario all’interno delle carceri.

Videoconferenze per i processi: adozione di sistemi meno costosi e sviluppo dei video collegamenti per i processi in modo da evitare il contatto dei detenuti pericolosi con l’esterno ed ingenti risorse per traduzioni e software costosi.

Detenuti stranieri: incentivazione del trasferimento delle persone straniere detenute che abbiano subito condanna definitiva, assicurando a tal fine una più ampia ed efficace applicazione della Convenzione del Consiglio d'Europa firmata a Strasburgo, il 21 marzo 1983 e favorendo altresì la conclusione di appositi accordi in tal senso con altri Paesi, in modo da consentire ad un maggior numero di persone di scontare la condanna nel Paese d'origine.

Porte girevoli: il carcere non è più in grado di sostenere sforzi umani e burocratici per soggetti che entrano per pochi giorni al suo interno per poi tornare liberi subito. E’ necessario riformare ed investire più risorse sull’utilizzo delle celle di sicurezza e sui relativi procedimenti.

Abrogazione del Decreto Legislativo Orlando sulla riforma dell’ordinamento penitenziario (in discussione ora).

 

IL PROGRAMMA COMPLETO

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

5 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

6 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

7 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi

10 Sicurezza: Salvini, chiesto a Tria fondi assunzioni. Troppo alta età media agendina,serve piano reclutamenti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

8 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook