Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotta penitenziaria aggredita violentemente al volto subisce distacco della retina

Polizia Penitenziaria - Poliziotta penitenziaria aggredita violentemente al volto subisce distacco della retina


Notizia del 08/03/2013 - AVELLINO
Letto (2965 volte)
 Stampa questo articolo


Aggressioni in carcere: Poliziotta penitenziaria colpita violentemente al volto da detenute subisce il distacco della retina.

Tensione nel carcere di Avellino: nel giorno della Festa della donna una poliziotta è stata violentemente picchiata in carcere. A denunciarla è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il più rappresentativo della Categoria con 12mila poliziotti, che "legge" con preoccupazione questo episodio, ennesimo sintomo di criticità del penitenziario campano.

“Purtroppo dobbiamo registrare ancora una volta un’aggressione subita da personale del Corpo, durante lo svolgimento del proprio servizio e proprio nel giorno della Festa della donna”, spiega Donato CAPECE, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

Nella sezione femminile della Casa Circondariale di Avellino, ospitante tra l’altro l’unico asilo nido per bambini inferiori ai tre anni del sud Italia per detenute madri, nel tentativo di sedare una lite tra due detenute, una Agente del Corpo della Polizia Penitenziaria, poco più che ventenne, è stata colpita violentemente allo zigomo sinistro.

La giovcane collega, assegnata da poco dalla Scuola di formazione all’Istituto Irpino, è stata trasportata d’urgenza al pronto soccorso ove le è stato diagnosticato il distacco della retina dell’occhio. Ormai le condizioni di vita del Personale, dal punto di vista operativo, sono sempre più precarie e critiche anche se da poco il Reparto femminile di Avellino è stato incrementato. Alla collega vittima di quanto accaduto va tutta la solidarietà del Sappe e gli auguri di una pronta guarigione.”

napoli.repubblica.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”