Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotti coinvolti in sparatoria: uno degli aggressori era in permesso premio un altro ai domiciliari

Polizia Penitenziaria - Poliziotti coinvolti in sparatoria: uno degli aggressori era in permesso premio un altro ai domiciliari


Notizia del 09/01/2014 - NAPOLI
Letto (2517 volte)
 Stampa questo articolo


Uno dei tre giovani fermati per la sparatoria nella quale sono stati feriti due agenti della Polizia di Stato a Napoli non era rientrato da un permesso premio ottenuto a fine dicembre, e sarebbe dovuto tornare subito dopo Natale nell'istituto di pena minorile dove era detenuto "per un'impresa piu' o meno simile a questa".

Lo ha detto il questore di Napoli Guido Marino, nel corso della conferenza stampa che segue i fermi dei tre giovani. Un altro dei tre era agli arresti domiciliari, il terzo e' un pregiudicato. A sparare i colpi che hanno ferito i due poliziotti proprio Michele Mazio, 20 anni, detenuto nell'istituto di pena minorile di Casal del Marmo: il 23 dicembre scorso ha ottenuto un permesso premio di tre giorni, ma non e' tornato.

Scontava una condanna che terminera' nel 2017 per due rapine; in occasione della seconda, il 30 ottobre 2010, in Via Pietro Colletta fu colto sul fatto subito dopo aver rapinato un negozio di alimentari con un complice. Anche in quel caso non esito' a sparare contro i poliziotti, ma il proiettile si conficco' nell'autovettura.

napoli.repubblica.it

GLI SPARI CONTRO GLI AGENTI DELLA POLIZIA DI STATO

I tre sono accusati di tentato omicidio per aver sparato ai due poliziotti. Contestata anche la resistenza a pubblico ufficiale, la rapina e il porto abusivo di arma da fuoco. I ragazzi, tutti di Napoli e con precedenti, erano stati trattenuti gia' questa mattina e solo nel tardo pomeriggio sono emersi gli elementi probatori che hanno portato al fermo del pubblico ministero.

Gia' nella tarda serata di ieri gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato di Poggioreale, coordinanti dai magistrati della Procura di Napoli, erano riusciti ad individuare, in virtu' di una capillare attivita' informativa ed investigativa, i tre responsabili del fatto. Tutto avveniva il 7 gennaio in via Galileo Ferraris. La volante del commissariato di Poggioreale intercettava un ciclomotore con tre giovani a bordo che, alla vista degli agenti si davano alla fuga per vanificare il tentativo di controllo.

Dopo alcune centinaia di metri, il motoveicolo rallentava la marcia facendosi raggiungere dalla pattuglia, e contestualmente uno dei passeggeri estraeva la pistola calibro 9 con la quale esplodeva diversi colpi all'indirizzo dei poliziotti, per poi riprendere repentinamente la fuga. L'inseguimento proseguiva ancora per un breve tratto fino a quanto i tre giovani abbandonavano il motoveicolo. I poliziotti abbandonavano l'inseguimento perche' ferito. In particolare l'assistente capo fu colpito all'avambraccio destro e al torace.

Da li' le indagini lampo e l'arresto dei tre presunti responsabili.

AGI

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Quanto guadagna un poliziotto penitenziario?

2 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

3 Ministro Orlando annuncia nuove assunzioni: 48 poliziotti in più nel 2017 e 57 come anticipo 2018

4 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

5 Detenuta evade dal cancello principale del carcere di Rebibbia: era appena arrivata

6 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

7 Pentito rivela: tutti i detenuti hanno un coltello nel carcere di Reggio Emila

8 DAP autorizza visite dei Radicali in 35 carceri per la prossima settimana

9 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

10 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

3 Detenuta arriva in carcere ma si nasconde tra la folla ed evade da Rebibbia

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 Decreto Orlando sulla mobilità del personale: ma perchè il Ministro invece di perder tempo coi videomessaggi non istituisce la direzione generale del Corpo?

7 In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996

8 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

9 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei funzionari del Corpo e ispettori-funzionari. Ma i dirigenti penitenziari e gli altri funzionari civili, saranno contenti?

10 Il piano per azzerare la memoria della Polizia Penitenziaria con la scusa del decreto trasferimenti