Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotti imbianchini e muratori? Sappe: ci vadano i direttori delle carceri a lavorare con i detenuti

Polizia Penitenziaria - Poliziotti imbianchini e muratori? Sappe: ci vadano i direttori delle carceri a lavorare con i detenuti


Notizia del 25/02/2015 - MILANO
Letto (2406 volte)
 Stampa questo articolo


Dal manganello al pennello, dalla divisa alla tuta. Un giorno poliziotti penitenziari e quello dopo muratori. E quello dopo ancora imbianchini o idraulici. I direttori dei penitenziari lombardi cercano "volontari" tra i loro agenti per rimettere a nuovo, almeno all'apparenza, le disastrate carceri regionali. 

A fare da apripista, in tal senso, è stato il direttore del carcere milanese di Opera, Giacinto Siciliano, che il 16 febbraio 2015 ha messo la sua idea nero su bianco. L'istituto cerca, si legge in una comunicazione di servizio firmata dallo stesso dirigente, "personale in possesso di abilitazione tecniche che sia disponibile a prestare attività lavorativa, anche in ambito regionale, per opere di ristrutturazione edilizia". 

In soldoni: la direzione chiede ai propri dipendenti - addestrati e pagati per lavorare come agenti penitenziari - di trasformarsi in dei novelli muratori. 

Una trasformazione che, evidentemente, non trova d'accordo il sindacato autonomia di Polizia Penitenziaria, Sappe, che ha denunciato il tutto. "E' una cosa ridicola, che se non fosse scritta nero su bianco in atti ufficiali farebbe davvero ridere", attacca duro il segretario generale Donato Capece a MilanoToday.

"E' una richiesta che riguarda tutti e diciannove gli istituti della Lombardia. Non hanno risorse finanziarie per la ristrutturazione e la riparazione degli istituti - denuncia Capece - e si sono inventati una cosa disdicevole sotto ogni punto di vista". 

"Loro, le direzioni delle carceri, hanno detto - continua il j'accusa del sindacalista - chi è interessato a fare il muratore o altro, ne faccia richiesta e noi gli permettiamo di farlo". La questione, però, non è così semplice. E, probabilmente, neanche tanto legale. 

L'articolo 5 della legge 395/90, quella che ha riformato il corpo di Polizia Penitenziaria, vieta infatti l'impiego dei poliziotti in compiti non istituzionali. "E' evidente quindi - chiosa Capece - che i direttori vanno loro stessi contro la legge. O hanno inteso male la direttiva o il freddo gli ha bloccato il cervello - ironizza il sindacalista - Ma a questo punto credo che la seconda ipotesi sia la più probabile". 

I problemi, però, non finiscono qua. Perché trasformare un agente in un muratore, oltre che un'idea al di fuori della legge, è probabilmente uno spreco di soldi. "Agli agenti si chiede di fare i muratori, i camerieri e gli imbianchini nelle ore di servizio - spiega Capece - Sapete cosa significa? Che si avrebbe personale selezionato, addestrato e pagato per fare sicurezza a fare tutt'altro. Poi, come se non bastasse, qualora un'agente lo richiedesse potrebbe essere mandato anche in altre sedi. Con la conseguenza, inevitabile, che gli si dovrebbe pagare anche la trasferta". 

La soluzione al caso? L'ha trovata il Sappe, scherzando ma non troppo: "I direttori - conclude Capece a MilanoToday - si mettano la tuta e insieme ai carcerati - come prevede la legge - diano loro il bianco alle pareti delle carceri".

Milano Today

Poliziotti Penitenziari muratori! Il Prap Lombardia cerca volontari tra la Polizia Penitenziaria per "lavori di ristrutturazione"

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

5 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

6 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

7 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

8 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

9 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

10 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte