Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotto arrestato: cadono le accuse di essere il capo mafia di Enna, rimane l’’associazione mafiosa

Polizia Penitenziaria - Poliziotto arrestato: cadono le accuse di essere il capo mafia di Enna, rimane l’’associazione mafiosa


Notizia del 16/11/2014 - ENNA
Letto (2341 volte)
 Stampa questo articolo


Tengono le accuse di associazione mafiosa e tentata estorsione, ma al Tribunale del Riesame cade l’ipotesi che l’ennese Salvatore Gesualdo, giovane assistente della Polizia Penitenziaria - arrestato il 28 ottobre scorso nel corso di un’inchiesta congiunta della polizia e dei carabinieri - sia stato un reggente di Cosa Nostra. 

I giudici di Caltanissetta hanno accolto in parte il ricorso dell’avvocato del giovane, il penalista Michele Baldi: cancellata l’aggravante di aver «diretto e organizzato» l’attività del clan di Enna, mentre reggono, come detto, le altre due ipotesi. Gesualdo in sostanza rimarrà al carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, dove è detenuto da oltre due settimane, ma la difesa ha segnato un importante punto a suo favore. L’indagine nel frattempo prosegue, condotta dalla squadra mobile della Questura e dal nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Enna, e diretta dai sostituti procuratori Roberto Condorelli e Giovanni Di Leo.

E il fatto che il Riesame si sia espresso cancellando l’aggravante non significa che l'indagine, anche per questo, non prosegua. Inoltre va sottolineato che la decisione del Tribunale di Libertà è ancora ricorribile, teoricamente, sia per l’accusa che per la difesa, che potrebbe chiedere l’annullamento totale dell’ordinanza, come aveva fatto a Caltanissetta, anche in Cassazione. Ma lo si comprenderà solo nei prossimi giorni, non appena le motivazioni dell’ordinanza del Riesame saranno note.


Secondo gli inquirenti Gesualdo sarebbe stato vicinissimo al suo amico boss di Enna, Giancarlo Amaradio, di poco più grande ma già storico picciotto di Tano Leonardo, che poi era stato «promosso» sul campo al rango di capomafia. In alcune occasioni, in pratica, sarebbe stato al fianco di Amaradio, come nel presunto summit tra quest’ultimo e «zio Turiddu» Seminara, un pranzo in un ristorante di Pergusa, venerdì 17 aprile 2009.

enna.gds.it

Respinge tutti gli addebiti il Poliziotto penitenziario accusato di essere il boss mafioso di Enna

 

Accusato di essere diventato il boss mafioso di Enna: arrestato Assistente Capo della Polizia Penitenziaria

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

2 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

3 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

4 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

5 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

6 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

7 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

8 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

9 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia

10 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte