Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

Polizia Penitenziaria - Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta


Notizia del 03/01/2017 - LECCE
Letto (4129 volte)
 Stampa questo articolo


C’è il nome di un medico di Casandrino (in provincia di Napoli), cioè del paese di residenza della “mantide” Rosa Della Corte, 31 anni, nell’inchiesta sulla sua evasione del 23 agosto di due anni fa dal carcere di Lecce e terminata ad Anzio il 5 settembre con l’arresto dei carabinieri. 

E’ l’inchiesta del pubblico ministero Stefania Mininni che segue due strade diverse: quella che contesta al medico il falso ideologico è stata stralciata e trasmessa per competenza alla Procura di Santa Maria Capua Vetere, per verificare se è vero che segnalò condizioni di salute gravi ma non rispondenti al vero - questo è il punto di vista dell’accusa - della madre della detenuta, contribuendo così a farle ottenere il permesso premio di sei giorni da farle trascorrere nella casa dei genitori.

L’inchiesta sui fatti che sarebbero accaduti a Lecce è invece arrivata al capolinea. Ed oltre alla “mantide” che sta scontando 18 anni di reclusione per l’omicidio del 4 aprile del 2003 del fidanzato Salvatore Pollastro, l’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato anche ad una sua compagna di cella: Elena Ferrante, 42 anni, di Palermo (difesa, come la Della Corte, dall’avvocato Carlo Gervasi): risponde di sostituzione di persona in concorso con la Della Corte. 

L’ipotesi accusatorie le contesta di essersi prestata ad eludere la disposizione del magistrato di Sorveglianza di Lecce che aveva previsto il visto di controllo sulla posta della “mantide”: una lettera ricevuta dalla Ferrante il 7 febbraio del 2015 da un detenuto napoletano arrestato il 18 marzo del 2014 con l’accusa di aver rapinato la banca Monte dei Paschi di Siena di Tricase (9.500 euro, il bottino), avrebbe avuto come reale destinatario la Della Corte.

L’evasione è contestata alla sola Della Corte. Per quella fuga con un cuoco 28enne di Muro Leccese, che non risulta indagato per favoreggiamento. Come non è finito nei guai con la giustizia il rumeno che era in sua compagnia il giorno dell’arresto.
Risponde inoltre di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale perché avrebbe sia cercato di colpire con uno schiaffo una sovrintendente della Polizia Penitenziaria che prospettato di spaccare la cella ad un’infermiera professionale per costringerla a cambiarle terapia.

Archiviata invece l’inchiesta avviata grazie alla denuncia sporta pochi giorni dopo il rientro in carcere, dopo le due settimane di evasione: puntò il dito contro un poliziotto penitenziario, accusandolo di avere cercato di violentarla poco prima di Ferragosto.
Pende intanto il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo per sostenere che le celle delle diverse carceri d’Italia in cui è stata detenuta sarebbero state troppo piccole.

quotidianodipuglia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

2 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

3 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

8 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

9 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

10 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia