Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto non curato e sbeffeggiato da dottori e infermieri: "hai dato manganellate ieri"

Polizia Penitenziaria - Poliziotto non curato e sbeffeggiato da dottori e infermieri:


Notizia del 02/05/2014 - ROMA
Letto (3927 volte)
 Stampa questo articolo


«Vi siete divertiti ieri a picchiare in piazza, sapete fare solo quello!». L’affronto ai poliziotti che durante l’ultima guerriglia romana, il 12 aprile, erano stati «caricati» dai manifestanti dopo la piazza sarebbe continuato nelle corsie di un ospedale, l’Aurelia Hospital. «Tu hai dato delle manganellate?», avrebbero insistito due sanitari mentre l’assistente capo trasportato in codice giallo al pronto soccorso - colorito giudicato «cadaverico» e dialettica «confusa e sgrammaticata» - dopo aver pensato che il mondo si fosse improvvisamente capovolto ha infine firmato per le dimissioni anticipate contro il parere medico.

I fatti, oggetto di indagini del commissariato Aurelio guidato da Fabrizio Calzoni dopo la denuncia dei diretti interessati, si riferiscono a domenica 13 aprile, il giorno successivo alla manifestazione dei movimenti per la casa, black bloc e blu bloc, che hanno trasformato in un inferno le strade della Dolce Vita, via Veneto e piazza Barberini, armandosi tra le altre cose di bombe carta e bottiglie rotte. Di lì a poco sarebbe scoppiato il caso dell’agente «calpestatore» di una ragazza a terra che il capo della polizia Pansa ha poi giudicato «un cretino», mentre i soliti noti, guerriglieri di professione, rilanciavano online segnalazioni di presunte violenze.

A.R., il poliziotto trasferito col contingente a Roma proprio in occasione dell’evento del 12 aprile, ha accusato il malore l’indomani mattina all’interno dell’hotel in cui era alloggiato. Perdita dei sensi, confusa reazione alle domande, tutti pensavano a un collasso e si decide di chiamare il 118, che comunque arriva senza medico.

’ingresso in ospedale è in codice giallo che, tutti sanno, implica un’indifferibile urgenza nelle cure sanitarie. Invece l’agente, come si legge nel resoconto fornito dai poliziotti che lo hanno accompagnato, «viene parcheggiato in un corridoio di passaggio per oltre 50 minuti», poi la situazione precipita alle prime visite dei colleghi. «Voi che indossate la divisa siete dei maleducati e prepotenti», avrebbe risposto uno dei sanitari di turno ad uno degli agenti in divisa che - vedendo vuoto lo sportello informazioni - si era «avventurato» lungo il corridoio chiedendo di A.R.

Passa mezzora, altra infermiera, plateale: «Esca, vada fuori, il poliziotto sta facendo la Tac, ecco un altro che approfitta della divisa, prepotente!». Seguirebbe l’incredibile commento sulle manganellate, che il paziente-agente attribuisce a due infermieri i quali, notati i pantaloni d’ordinanza, gli si sono avvicinati: «Vi siete divertiti ieri a picchiare in piazza! Tu hai dato le manganellate?». Non va meglio neanche col medico di turno, la dottoressa F.B., con cui finalmente - dopo circa 3 ore di attesa e un contingente in partenza per Pesaro da riorganizzare - riesce a parlare: «Digli ai tuoi capi di stare calmi perché qui comando io e di non essere maleducati con le infermiere», spiegava rifiutandosi più volte di informare i colleghi sulle condizioni di salute («solo a te o ai familiari») nonostante l’esplicito consenso di A.R.

Infine, alle 13.23, l’agente firma per lasciare il pronto soccorso contro il parere medico. All’Aurelia Hospital questi fatti non risultano, l’ospedale si dice comunque disponibile a fare chiarezza partendo dall’ascolto della versione dell’agente.

ltempo.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro