Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario accusato violenze sessuali e spaccio riammesso in servizio, collega ai domiciliari

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario accusato violenze sessuali e spaccio riammesso in servizio, collega ai domiciliari


Notizia del 19/03/2015 - RAGUSA
Letto (2067 volte)
 Stampa questo articolo


E’ stato riammesso in servizio dal ministero della giustizia l’agente di Polizia Penitenziaria modicano che lo scorso 18 giugno era stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare, insieme con un collega originario di Rosolini, per violenza sessuale aggravata ai danni dei detenuti del carcere di Modica (ormai chiuso) e spaccio di sostanze stupefacenti durante l’orario di servizio nella stessa casa circondariale. Il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del ministero della giustizia ha infatti accolto il ricorso dei difensori dell’agente di Polizia Penitenziaria F.C., 46 anni, restituendo il posto di lavoro al ricorrente che ha quindi ripreso il servizio in una casa circondariale del Siracusano.

Dopo alcuni giorni di arresti domiciliari, l’uomo aveva ottenuto l’annullamento del provvedimento restrittivo su decisione del riesame di Catania. I giudici etnei avevano ritenute valide le motivazioni a difesa presentate dagli avvocati, mentre avevano lasciato ai domiciliari il collega A.L., pure lui 46enne, originario di Rosolini. La gravità delle posizioni dei due indagati nella torbida vicenda era diversa: il modicano era stato accusato da un solo detenuto, mentre l’altro da tre. 

L’indagine, condotta tra maggio 2012 e marzo 2014 dai carabinieri, era scaturita dalle dichiarazioni di un detenuto straniero, trasferito dalla casa circondariale di Modica a quella di Ragusa. Il galeotto si era confidato con un agente il quale aveva, a sua volta, informato i superiori. Secondo quanto emerso nel corso dell’inchiesta, i due poliziotti penitenziari avrebbero preteso, anche se è tutto ancora da stabilire nel processo, prestazioni sessuali da alcuni detenuti del carcere di Modica, con la minaccia di far trovare della droga tra gli effetti personali di chi si fosse rifiutato ad assecondare gli appetiti sessuali dei due arrestati.

In altre parole i due agenti di Polizia Penitenziaria avrebbero ricattato una mezza dozzina di detenuti, minacciandoli di far comminare loro pene severe se, a seguito dei controlli periodici, fosse saltata fuori la droga appositamente «piazzata» per incastrarli. Viceversa ai detenuti più «accondiscendenti» sarebbero state concesse regalie varie, dalle sigarette ad altri «bonus».

corrierediragusa.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

6 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

7 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

8 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

9 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto