Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario accusato violenze sessuali e spaccio riammesso in servizio, collega ai domiciliari

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario accusato violenze sessuali e spaccio riammesso in servizio, collega ai domiciliari


Notizia del 19/03/2015 - RAGUSA
Letto (2268 volte)
 Stampa questo articolo


E’ stato riammesso in servizio dal ministero della giustizia l’agente di Polizia Penitenziaria modicano che lo scorso 18 giugno era stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare, insieme con un collega originario di Rosolini, per violenza sessuale aggravata ai danni dei detenuti del carcere di Modica (ormai chiuso) e spaccio di sostanze stupefacenti durante l’orario di servizio nella stessa casa circondariale. Il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del ministero della giustizia ha infatti accolto il ricorso dei difensori dell’agente di Polizia Penitenziaria F.C., 46 anni, restituendo il posto di lavoro al ricorrente che ha quindi ripreso il servizio in una casa circondariale del Siracusano.

Dopo alcuni giorni di arresti domiciliari, l’uomo aveva ottenuto l’annullamento del provvedimento restrittivo su decisione del riesame di Catania. I giudici etnei avevano ritenute valide le motivazioni a difesa presentate dagli avvocati, mentre avevano lasciato ai domiciliari il collega A.L., pure lui 46enne, originario di Rosolini. La gravità delle posizioni dei due indagati nella torbida vicenda era diversa: il modicano era stato accusato da un solo detenuto, mentre l’altro da tre. 

L’indagine, condotta tra maggio 2012 e marzo 2014 dai carabinieri, era scaturita dalle dichiarazioni di un detenuto straniero, trasferito dalla casa circondariale di Modica a quella di Ragusa. Il galeotto si era confidato con un agente il quale aveva, a sua volta, informato i superiori. Secondo quanto emerso nel corso dell’inchiesta, i due poliziotti penitenziari avrebbero preteso, anche se è tutto ancora da stabilire nel processo, prestazioni sessuali da alcuni detenuti del carcere di Modica, con la minaccia di far trovare della droga tra gli effetti personali di chi si fosse rifiutato ad assecondare gli appetiti sessuali dei due arrestati.

In altre parole i due agenti di Polizia Penitenziaria avrebbero ricattato una mezza dozzina di detenuti, minacciandoli di far comminare loro pene severe se, a seguito dei controlli periodici, fosse saltata fuori la droga appositamente «piazzata» per incastrarli. Viceversa ai detenuti più «accondiscendenti» sarebbero state concesse regalie varie, dalle sigarette ad altri «bonus».

corrierediragusa.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”