Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario condannato a 4 anni e otto mesi per aver favorito la detenzione di Nicola Cosentino

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario condannato a 4 anni e otto mesi per aver favorito la detenzione di Nicola Cosentino


Notizia del 22/01/2016 - NAPOLI
Letto (2488 volte)
 Stampa questo articolo


Condannata a 2 anni e 4 mesi Marisa Esposito, la moglie di Nicola Cosentino dal gup Santoro del Tribunale di Napoli Nord nell’ambito del processo con rito abbreviato su un caso di corruzione di un Poliziotto penitenziario del carcere di Napoli di Secondigliano.

Quattro anni e otto mesi, invece, per l’agente di Polizia Penitenziaria Umberto Vitale e tre anni e due mesi per Giuseppe Esposito, cognato di Cosentino.

Il pm, Paola da Forno, in fase di requisitoria aveva chiesto 2 anni e otto mesi per la consorte di Cosentino, 5 anni e quattro mesi per l’agente Vitale e 4 anni e otto mesi per Giuseppe Esposito, cognato dell’ex parlamentare e fratello di Marisa Esposito.

Le indagini, condotte dai carabinieri di Caserta, avviate dai pm del pool anticamorra di Napoli Fabrizio Vanorio e Antonello Ardituro, oggi al Csm, il 29 aprile del 2015 portarono al quarto ordine di arresto per l’ex numero uno del Pdl in Campania, l’unico a non aver scelto il rito abbreviato. Un’inchiesta che nasce quando Cosentino, alla fine del 2013, venne scarcerato. Intercettazioni telefoniche, ambientali, pedinamenti, portano gli inquirenti su un nuovo filone: alcuni agenti del carcere di Secondigliano avrebbero favorito l’ex deputato facendo entrare nella sua cella medicine, prodotti alimentari, capi di abbigliamento, ma anche passeggiate notturne nei corridoi del carcere non previste dal regolamento. In cambio, avrebbero ottenuto soldi e posti di lavoro.

L’intermediario, secondo l’accusa, tra Cosentino e gli agenti, sarebbe stato il cognato. Gli incontri, tra Esposito e Vitale, che avvenivano all’interno di un distributore di benzina di Succivo, vennero filmati. L’accusa per Marisa Esposito era legata sostanzialmente a quella “mazzetta” di cui parla al telefono con il fratello. “Gliel’hai data la mazzetta che ti ho dato?”, questa la frase intercettata. In fase di interrogatorio, la donna diede una sua versione dei fatti in merito. Spiego’ che si riferiva al regalo economico, che lei solitamente definisce “mazzetta”, che dava regolarmente al figlio del fratello.

casertace.net

 

Poliziotti penitenziari intercettati su vicenda Cosentino: "abbiamo il porco per le mani"

 

Arrestato Agente penitenziario di Secondigliano per aver favorito detenzione di Cosentino: altri Poliziotti indagati

 

Nicola Cosentino aveva un iPod in cella: Poliziotto penitenziario indagato per corruzione

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

2 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

3 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

8 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

9 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)