Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario condannato a 4 anni e otto mesi per aver favorito la detenzione di Nicola Cosentino

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario condannato a 4 anni e otto mesi per aver favorito la detenzione di Nicola Cosentino


Notizia del 22/01/2016 - NAPOLI
Letto (2068 volte)
 Stampa questo articolo


Condannata a 2 anni e 4 mesi Marisa Esposito, la moglie di Nicola Cosentino dal gup Santoro del Tribunale di Napoli Nord nell’ambito del processo con rito abbreviato su un caso di corruzione di un Poliziotto penitenziario del carcere di Napoli di Secondigliano.

Quattro anni e otto mesi, invece, per l’agente di Polizia Penitenziaria Umberto Vitale e tre anni e due mesi per Giuseppe Esposito, cognato di Cosentino.

Il pm, Paola da Forno, in fase di requisitoria aveva chiesto 2 anni e otto mesi per la consorte di Cosentino, 5 anni e quattro mesi per l’agente Vitale e 4 anni e otto mesi per Giuseppe Esposito, cognato dell’ex parlamentare e fratello di Marisa Esposito.

Le indagini, condotte dai carabinieri di Caserta, avviate dai pm del pool anticamorra di Napoli Fabrizio Vanorio e Antonello Ardituro, oggi al Csm, il 29 aprile del 2015 portarono al quarto ordine di arresto per l’ex numero uno del Pdl in Campania, l’unico a non aver scelto il rito abbreviato. Un’inchiesta che nasce quando Cosentino, alla fine del 2013, venne scarcerato. Intercettazioni telefoniche, ambientali, pedinamenti, portano gli inquirenti su un nuovo filone: alcuni agenti del carcere di Secondigliano avrebbero favorito l’ex deputato facendo entrare nella sua cella medicine, prodotti alimentari, capi di abbigliamento, ma anche passeggiate notturne nei corridoi del carcere non previste dal regolamento. In cambio, avrebbero ottenuto soldi e posti di lavoro.

L’intermediario, secondo l’accusa, tra Cosentino e gli agenti, sarebbe stato il cognato. Gli incontri, tra Esposito e Vitale, che avvenivano all’interno di un distributore di benzina di Succivo, vennero filmati. L’accusa per Marisa Esposito era legata sostanzialmente a quella “mazzetta” di cui parla al telefono con il fratello. “Gliel’hai data la mazzetta che ti ho dato?”, questa la frase intercettata. In fase di interrogatorio, la donna diede una sua versione dei fatti in merito. Spiego’ che si riferiva al regalo economico, che lei solitamente definisce “mazzetta”, che dava regolarmente al figlio del fratello.

casertace.net

 

Poliziotti penitenziari intercettati su vicenda Cosentino: "abbiamo il porco per le mani"

 

Arrestato Agente penitenziario di Secondigliano per aver favorito detenzione di Cosentino: altri Poliziotti indagati

 

Nicola Cosentino aveva un iPod in cella: Poliziotto penitenziario indagato per corruzione

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?