Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario condannato a 7 mesi di reclusione per suicidio di un detenuto: omicidio colposo e abuso di autorità

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario condannato a 7 mesi di reclusione per suicidio di un detenuto: omicidio colposo e abuso di autorità


Notizia del 15/07/2016 - VENEZIA
Letto (6922 volte)
 Stampa questo articolo


Accusato di omicidio colposo e abuso d'autorità. Assolto un collega della Penitenziaria. L'ispettore della Polizia Penitenziaria Stefano Di Loreto è stato condannato ieri a sette mesi di reclusione, mentre il collega Leonardo Nardino è stato assolto per non aver commesso il fatto. Infine, per il Vice Sovrintendente Francesco Sacco il giudice monocratico di Venezia Daniela Defazio ha dichiarato prescritto il reato.

Di Loreto doveva rispondere di omicidio colposo (4 mesi) e abuso di autorità (tre mesi). L'accusa, dalla quale la Comandante della Penitenziaria (in un primo momento condannata) è stata poi assolta dalla Corte d'appello, era pesante: avrebbero rinchiuso in una cella di punizione, visto che era senza acqua, senza luce e senza riscaldamento, non c'erano i sanitari, non c'era il letto e una sedia, i detenuti con comportamenti "devianti, conflittuali o autolesionistici". E nella 408, dopo aver tentato il suicidio, c'era finito anche il 28enne marocchino Cherib Debibyaui, che il 5 marzo 2009 in quella cella si è impiccato. Sul banco degli indagati c'erano finiti in cinque.

Di Loreto, stando al capo d'imputazione, a causa del tentativo di suicidio di Cherib, sventato da altri due detenuti che erano in cella con lui, lo avrebbe trasferito nella cella di punizione, dove facendo a strisce con i denti la coperta dopo 62 ore di isolamento era riuscito ad impiccarsi al chiavistello della finestra. Inizialmente, la Comandante degli agenti avrebbe avallato la decisione del sottoposto e non avrebbe disposto la sorveglianza sul detenuto a rischio.

La stessa sorte avrebbero subito nel corso del 2008 e del 2009 altri detenuti, in particolare, il tunisino Kais Latrach (rinchiuso nella cella 408 per 25 ore una prima volta e per altre 32 una seconda), il tagiko Omar Basaev (per 175 ore), il romeno Ilie Paval (per 46 ore), gli iracheni Mohamed Sami (per 30 ore una prima volta e per altre 121 una seconda) e Karim Eddi (per 9 ore). E in quella cella ci sarebbero finiti non solo chi danneggiava le suppellettili o litigava con gli altri, ma anche chi, come il 28enne Cerib, aveva cercato di uccidersi.

La Nuova Venezia

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

5 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

6 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia