Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario condannato a 7 mesi di reclusione per suicidio di un detenuto: omicidio colposo e abuso di autorità

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario condannato a 7 mesi di reclusione per suicidio di un detenuto: omicidio colposo e abuso di autorità


Notizia del 15/07/2016 - VENEZIA
Letto (6610 volte)
 Stampa questo articolo


Accusato di omicidio colposo e abuso d'autorità. Assolto un collega della Penitenziaria. L'ispettore della Polizia Penitenziaria Stefano Di Loreto è stato condannato ieri a sette mesi di reclusione, mentre il collega Leonardo Nardino è stato assolto per non aver commesso il fatto. Infine, per il Vice Sovrintendente Francesco Sacco il giudice monocratico di Venezia Daniela Defazio ha dichiarato prescritto il reato.

Di Loreto doveva rispondere di omicidio colposo (4 mesi) e abuso di autorità (tre mesi). L'accusa, dalla quale la Comandante della Penitenziaria (in un primo momento condannata) è stata poi assolta dalla Corte d'appello, era pesante: avrebbero rinchiuso in una cella di punizione, visto che era senza acqua, senza luce e senza riscaldamento, non c'erano i sanitari, non c'era il letto e una sedia, i detenuti con comportamenti "devianti, conflittuali o autolesionistici". E nella 408, dopo aver tentato il suicidio, c'era finito anche il 28enne marocchino Cherib Debibyaui, che il 5 marzo 2009 in quella cella si è impiccato. Sul banco degli indagati c'erano finiti in cinque.

Di Loreto, stando al capo d'imputazione, a causa del tentativo di suicidio di Cherib, sventato da altri due detenuti che erano in cella con lui, lo avrebbe trasferito nella cella di punizione, dove facendo a strisce con i denti la coperta dopo 62 ore di isolamento era riuscito ad impiccarsi al chiavistello della finestra. Inizialmente, la Comandante degli agenti avrebbe avallato la decisione del sottoposto e non avrebbe disposto la sorveglianza sul detenuto a rischio.

La stessa sorte avrebbero subito nel corso del 2008 e del 2009 altri detenuti, in particolare, il tunisino Kais Latrach (rinchiuso nella cella 408 per 25 ore una prima volta e per altre 32 una seconda), il tagiko Omar Basaev (per 175 ore), il romeno Ilie Paval (per 46 ore), gli iracheni Mohamed Sami (per 30 ore una prima volta e per altre 121 una seconda) e Karim Eddi (per 9 ore). E in quella cella ci sarebbero finiti non solo chi danneggiava le suppellettili o litigava con gli altri, ma anche chi, come il 28enne Cerib, aveva cercato di uccidersi.

La Nuova Venezia

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

3 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

4 Poliziotti penitenziari coinvolti nel caso Cucchi citano i Ministeri della Giustizia, Difesa e Interni: il GUP accoglie la richiesta

5 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

6 Vacilla il Carcere modello di Bollate, detenuto con chiavi usb e coltelli. Il Direttore minimizza

7 Catturato detenuto tunisino e islamico radicalizzato: era evaso da permesso premio, Poliziotto penitenziario lo riconosce in stazione

8 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis

9 Lucera, in fiamme auto di un poliziotto penitenziario

10 Carceri 41-bis: visita della Commissione Antimafia nelle carceri della Sardegna per verificare Cagliari Uta e Sassari


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

3 Il Consiglio dei Ministri approva definitivamente il Riordino delle Carriere

4 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

5 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

6 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

7 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...

8 Il Re è nudo! Ma forse anche cieco e sordo ...

9 Carceri e sanità, intesa del Sappe con i medici aderenti allo SMI

10 Qualcuno crede che Facebook sia come lo Speaker’s Corner di Hyde Park