Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario e poi camorrista: il pentito racconta come ha avvelenato i terreni della Campania

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario e poi camorrista: il pentito racconta come ha avvelenato i terreni della Campania


Notizia del 23/09/2014 - NAPOLI
Letto (4114 volte)
 Stampa questo articolo


“Abbiamo riempito la Campania con tonnellate di veleni, provenienti da ogni parte d’Italia. Ad esempio le ceneri degli inceneritori del Nord, gli scarti dell’Italsider di Taranto, la calce spenta dell’Enel di Brindisi e di Napoli, i veleni dell’Acna di Cengio e tanti altri rifiuti tossici”. Dal carcere dov’è ancora detenuto in attesa della scarcerazione, il pentito Gaetano Vassallo ripete la sua ricostruzione sull’avvelenamento dell’ambiente tra la provincia di Napoli e quella di Caserta. 
L’ex imprenditore di camorra che si era specializzato nel trasporto e nello smaltimento dei rifiuti industriali per conto dei clan casalesi, nel parla al giornalista del Fatto quotidiano. Si tratta di circostanze già note e già verbalizzate da tempo dai pm della Dda napoletana Giovanni Conzo, Maria Cristina Ribera e Alessandro Milita.

Per almeno trent’anni, stando ai suoi racconti, una consorteria politico-affaristico-mafioso ha guadagnato miliardi di vecchie lire inquinando in maniera spesso irrecuperabile milioni di metri cubi di terreno agricolo falde acquifere comprese. “Non abbiamo mai steso un telo di protezione dentro le discariche” spiega infatti il pentito, confermando l’inquinamento delle falde acquifere negli sversatoi che hanno inghiottito tonnellate di schifezze che venivano subito dopo mischiate al terreno da riporto per meglio mimetizzarle. Vassallo racconta che all’inizio, nel 1980, lavorava al Nord come agente di Polizia Penitenziaria. Ma ben presto si rese conto che sfruttando una discarica di sua proprietà a Giugliano, guadagnava molto di più.

“Così mi licenziai e tornai al mio paese”. Da quel momento inizia un trentennio di lucrosi affari grazie a protezioni politico-istituzionali del territorio e alla “efficienza” organizzativa dei clan casalesi. Una buca dopo l’altra mentre i terreni venivano riempiti di veleni – “ma non abbiamo mai interrato scorie radioattive” chiarisce il pentito – la lobby della monnezza industriale si arricchiva. Nessun problema per le autorizzazioni “Ci davano tutti i permessi di cui avevamo bisogno” chiarisce. “Era un pozzo senza fondo, guadagnavo qualcosa come 150 milioni di lire al giorno” ricorda ora il collaboratore di giustizia. Nel ’93 sembrava tutto finito: Vassallo e altri affaristi del rifiuto vennero arrestati nell’operazione “Adelphi”, una delle prime e più importanti inchieste sul traffico di veleni in Campania. “Io ero colpevole ma fui prosciolto – dice – se fossi stato condannato la Campania si sarebbe risparmiata altri 15 anni di veleni”.

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”