Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto penitenziario minacciato di morte e Ispettore aggredito nel carcere di Regina Coeli

Polizia Penitenziaria - Poliziotto penitenziario minacciato di morte e Ispettore aggredito nel carcere di Regina Coeli


Notizia del 19/02/2016 - ROMA
Letto (3984 volte)
 Stampa questo articolo


Alta tensione nel carcere di Roma Regina Coeli, dove ieri due poliziotti penitenziari sono stati aggrediti in due distinte violente colluttazioni. Ne da notizia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, che denuncia “l’invivibilità del carcere di Regina Coeli, praticamente in mano ai detenuti, i più violenti dei quali ogni giorno commettono atti di violenza contro i poliziotti penitenziari”.

La denuncia arriva da Giovanni PASSARO, segretario provinciale SAPPE di Roma: “Nel tardo pomeriggio di ieri un detenuto romano ristretto presso il Terzo braccio ha minacciato di morte un Assistente di Polizia Penitenziaria (nemmeno un mese fa, nello stesso Reparto detentivo, un Ispettore aveva ricevuto una testata sul naso con successivo ricovero al Pronto Soccorso ed una prognosi di gg. 30); subito dopo, un altro detenuto ha preso a schiaffi un Ispettore. La situazione è grave, il carcere è fuori controllo, ed i detenuti sono convinti di poter fare quel che credono. Inaccettabile: è sintomatico di una sistema di sicurezza interno farraginoso e inadeguato”.

Donato CAPECE, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, torna a denunciare le criticità del carcere di Roma Regina Coeli e i sistemi della vigilanza dinamica e del regime penitenziario ‘aperto’ a favore dei detenuti, che fa venire meno i controlli della Polizia Penitenziaria: “Ha senso, è rieducativo, da un senso alla pena detentiva far stare molte ore al giorno i detenuti fuori dalle celle senza però fargli fare assolutamente nulla? Al superamento del concetto dello spazio di perimetrazione della cella e alla maggiore apertura per i detenuti deve associarsi la necessità che questi svolgano attività lavorativa e che il personale di Polizia Penitenziaria sia esentato da responsabilità derivanti da un servizio svolto in modo dinamico, che vuol dire porre in capo a un solo poliziotto quello che oggi fanno quattro o più agenti, a tutto discapito della sicurezza. Il dato oggettivo è che con la vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto gli eventi critici sono aumentati. Come dimostrano le gravi aggressioni ai nostri poliziotti in servizio a Regina Coeli, ai quali va la nostra vicinanza e solidarietà, c’è chi pensa evidentemente che vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto vogliono dire permettersi di fare tutto in carcere… E se questo è favorito da un sistema di sicurezza interno pieno di falle, c’è seriamente da preoccuparsi. Per questo chiediamo l’intervento dei vertici dell’Amministrazione Penitenziaria ”.

agenparl.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)