Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Poliziotto Penitenziario uccide quattro persone con arma di ordinanza: lite con i vicini per un parcheggio

Polizia Penitenziaria - Poliziotto Penitenziario uccide quattro persone con arma di ordinanza: lite con i vicini per un parcheggio


Notizia del 13/07/2015 - CASERTA
Letto (3038 volte)
 Stampa questo articolo


Una tragedia annunciata, frutto di liti continue tra vicini di casa. É questo il retroscena della strage avvenuta ieri mattina a Trentola Ducenta. Quattro morti è il tragico, pesantissimo, bilancio della drammatica vicenda che si è consumata in un appartamento in via Carducci. Le vittime sono: Michele Verde 61 anni, la moglie Vincenza di 58 e il figlio Pietro di 23 anni. Salva per miracolo, invece, la fidanzata del giovane che dormiva al piano di sopra dell'abitazione.

La quarta vittima è il 37enne Francesco Pinestra, un operaio della ditta di orto-frutta, di cui era titolare‎ Michele Verde, che questa mattina si era recato presso la loro abitazione. Ad ucciderli in una folle mattanza è stato Luciano Pezzella, - 50 anni- agente di Polizia Penitenziaria, sottoposto a fermo, da parte dei Carabinieri. «Ho fatto un macello» ha ammesso l'autore della strage, appena si è costituito.

Secondo quanto è stato ricostruito dagli inquirenti sembra che ad «infastidire» Pezzella fosse lo spostamento continuo delle cassette della frutta, da parte dei Verde, così come il viavai di camioncini che a via Carducci arrivavano, soprattutto di mattina presto, per fare il carico.

Ieri mattina, però, l'agente della penitenziaria Luciano Pezzella ha perso il controllo e, dopo l'arrivo dell'ennesimo furgone, è sceso in strada con una pistola «9x19 parabellum» in pugno, l'arma d'ordinanza delle forze dell'ordine, e ha aperto il fuoco.

Due colpi li ha sparati contro l'uomo che era alla guida del camioncino: Francesco Pinestra, 37enne di San Marcellino, agonizzante fino all'arrivo in ospedale, dove poco dopo è deceduto.

Poi è entrato nel condominio di fronte al suo ed ha sparato contro tutti coloro che si è trovato di fronte. Il primo a finire sotto i suoi colpi è stato Michele Verde, 61 anni, il capofamiglia, che di mestiere vendeva i contenitori di legna per i prodotti ortofrutticoli: l'uomo era nell'androne del palazzo, intento a spostare le cassette per la frutta, destinate al camion appena arrivato, quando la guardia penitenziaria gli ha sparato.

Poi il poliziotto-killer è salito su per le scale ed ha ucciso la moglie di Verde, Vincenza Caiazza, 58 anni, e il primogenito della coppia, Pietro, 31 anni.

Salva per miracolo la fidanzata di quest'ultimo che al momento della strage era al piano di sopra. Pietro, quando ha capito cosa stava succedendo, le avrebbe detto di non uscire dalla camera da letto per nessun motivo. Secondo i carabinieri il tutto è avvenuto in una manciata di minuti, poco dopo le 8 e 30.

Un'ora circa dopo la strage, il poliziotto si è presentato in caserma, ad Aversa. «Ho ammazzato i miei vicini - ha detto - Ho fatto un macello» ed ha consegnato l'arma d'ordinanza. Il serbatoio era vuoto: ciò significa che ha esploso l'intero caricatore contro le quattro vittime.

Tra poco sarà trasferito nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. L'accusa per lui è di omicidio plurimo.

ilmattino.it

 

Quel furgone mi dava fastidio: li ho uccisi perché faceva rumore. Le prime dichiarazioni del poliziotto omicida

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico