Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Porta droga in carcere al figlio: 250 dosi di hashish sequestrate dalla Polizia Penitenziaria a Padova

Polizia Penitenziaria - Porta droga in carcere al figlio: 250 dosi di hashish sequestrate dalla Polizia Penitenziaria a Padova


Notizia del 22/07/2015 - PADOVA
Letto (971 volte)
 Stampa questo articolo


Mamma premurosa Maria Rosa Rigano, classe 1950 di Schio, nel Vicentino . E attenta ai “bisogni” del proprio figliolo fino a rischiare pure lei il carcere visto che è finita sotto inchiesta per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Forse spinta da troppo amore materno, mamma-droga non ha esitato a portare un pacco-regalo al suo ragazzo detenuto nella casa di reclusione Due Palazzi, Luca Piacentini, 37 anni, sempre di Schio: un quantitativo di hashish piuttosto consistente con il quale era possibile confezionare circa 250 dosi. Un pacco-regalo intercettato e bloccato dagli agenti di Polizia Penitenziaria della struttura, già finita nel mirino con una clamorosa inchiesta della procura padovana. Agenti che si sono insospettiti di fronte all’atteggiamento nervoso dell’uomo, troppo attento, agitato e impegnato a incrociare gli occhi di chi era tenuto a controllarlo.

Non è un caso che il titolare dell’indagine sia il pubblico ministero padovano Sergio Dini, già alla guida dell’inchiesta sul carcere-colabrodo culminata proprio un anno fa con una serie di arresti tra secondini, detenuti e familiari di questi ultimi, perché nella struttura penitenziaria entrava di tutto, dalla droga ai cellulari, dalle sim-card alle chiavette usb. Un’inchiesta già arrivata al capolinea per 13 imputati condannati con riti alternativi a 51 anni, 3 mesi e 10 giorni, mentre altri 22 imputati affronteranno il processo che inizierà il 6 ottobre. È il 20 giugno scorso, giornata di colloqui in carcere. Mamma Rosa si presenta al Due Palazzi dopo aver ottenuto il regolare permesso per fare visita al figlio Luca. Borse, giacche e cellulari vengono lasciati in una stanza apposita dopo la regolare perquisizione, poi la donna viene accompagnata nella sala-colloqui e si siede a un tavolo. Entra Luca e inizia la conversazione tra mamma e figlio, come tra altri detenuti con i loro familiari sotto l’occhio attento delle guardie. Baci abbracci, mani che si stringono tra lacrime di commozione. Luca appare molto nervoso, teso e, a un certo punto, non fa che guardare gli agenti. Perché è così distratto? Concluso il tempo a disposizione, la signora esce e viene controllata: perquisizione negativa. Pure Luca subisce lo stesso trattamento. E stavolta salta fuori il pacco-regalo con la droga. Per chi era tutto quell’hashish? Il sospetto è che le dosi fossero destinate allo spaccio all’interno del penitenziario. Nel 2014 Luca Piacentini era stato arrestato per una sentenza passata in giudicato a 3 anni e 5 mesi di reclusione per spaccio di droga. Volto noto alle forze dell’ordine,

ha una sfilza di precedenti alle spalle, soprattutto per spaccio benché sia finito nei guai anche per truffa. L’ultimo arresto qualche anno fa, quando venne bloccato a Malo con 67 grammi di cocaina in auto, avvolti in un sacchetto di nylon e con una dose nascosta in un pacchetto di sigarette.

mattinopadova.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA