Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Prestanome di Provenzano scarcerato per favismo: archiviata l'indagine ministeriale

Polizia Penitenziaria - Prestanome di Provenzano scarcerato per favismo: archiviata l'indagine ministeriale


Notizia del 05/09/2012 - PALERMO
Letto (2241 volte)
 Stampa questo articolo


Archiviata l’indagine ministeriale sulla concessione della detenzione domiciliare al manager della sanità siciliana Michele Aiello, condannato a 15 anni e 6 mesi per associazione mafiosa e corruzione e uscito dal carcere, alla fine del febbraio scorso, perché affetto da favismo.

I giudici avevano motivato il loro provvedimento sulla base del fatto che il vitto carcerario prevede solo fave e piselli e gli ispettori del ministero della Giustizia non hanno ravvisato alcuna irregolarità nel fatto che il tribunale di sorveglianza dell’Aquila non abbiano imposto alla direzione del carcere di Sulmona, in cui Aiello era detenuto, di consentire al condannato di avere un menu particolare.

Né vi sono irregolarità nel fatto che, a fronte del fatto che il carcere non cambiava registro, non era stato proposto il trasferimento di Aiello. L’indagine così è chiusa e a pagare è stato solo il direttore del carcere, Sergio Romice, che in maggio era stato trasferito a Pescara.

Aiello era stato condannato nell’ambito dell’inchiesta sulle Talpe in procura, assieme - fra gli altri - all’ex presidente della Regione Sicilia, Totò Cuffaro, che ha avuto sette anni e che sta scontando la pena a Rebibbia dal gennaio dell’anno scorso. La concessione dei domiciliari ad Aiello aveva fatto discutere.

Secondo molti osservatori sarebbe bastato che il tribunale ordinasse alla direzione del carcere di cambiare la dieta di Aiello, cosa che normalmente avviene per i detenuti islamici, diabetici, ipertesi, di religione ebraica. Ma secondo gli ispettori di via Arenula dare queste disposizioni non spettano ai magistrati. E così, dopo che per più volte non si era riusciti a privare Aiello di fave e piselli, sempre presenti nel menu carcerario e pericolosissimi per il regista della rete di talpe alla Procura di Palermo, i giudici lo avevano messo fuori.
 
 
 
 
 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Frosinone, 5 agenti di Polizia Penitenziaria aggrediti da un detenuto

5 Poliziotto aggredito e sequestrato nel carcere di Nisida: detenuti gli rubano le chiavi e aprono le altre celle

6 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

7 Petardi lanciati nel carcere di San Vittore Francesco Di Cataldo nella notte di capodanno: due Poliziotti penitenziari al pronto soccorso

8 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

9 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere

10 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 La XVII Legislatura volge al termine. Il futuro è molto incerto

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione