Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Prime confessioni del Poliziotto penitenziario, principale accusato nella corruzione del carcere di Padova

Polizia Penitenziaria - Prime confessioni del Poliziotto penitenziario, principale accusato nella corruzione del carcere di Padova


Notizia del 28/11/2014 - PADOVA
Letto (5203 volte)
 Stampa questo articolo


La crepa era al quinto blocco. Da lì passavano telefonini, chiavette, computer, hashish, cocaina, eroina, alcolici e pure denaro. Tutto proibito, naturalmente, tutto a uso e consumo dei detenuti del Due Palazzi, il carcere di massima sicurezza di Padova considerato in Italia un’eccellenza. Perché lì, a gestire il piano, c’era lui: Pietro Rega, il quarantottenne capo degli agenti di Polizia Penitenziaria arrestato nel luglio scorso e indagato dalla procura di Padova con altri 30 fra colleghi, reclusi, familiari e pure un avvocato. Rega ha confessato tutto il 6 novembre in un interrogatorio choc, nel quale racconta la grande gang di guardie e di ladri: «È vero, ho portato in carcere pacchi con telefonini, dischetti, schede telefoniche, chiavette Usb, eroina, fumo…». Contattava parenti e spacciatori, li incontrava, «allo stadio Euganeo quelli di Dincia (dell’Est, ndr)… a Zelarino i marocchini… a Verona gli italiani», si faceva recapitare i pacchi, li consegnava a qualche suo collega perché arrivassero nelle celle.

Cellulari ai boss

E nelle celle c’erano anche a un paio di capiclan della Nuova Camorra Organizzata e della Sacro Corona Unita, Gaetano Bocchetti e Sigismondo Strisciuglio, e un superdetenuto sottoposto al carcere duro, 41 bis, Domenico Morelli. Grazie ai cellulari potevano comodamente impartire ordini all’esterno. Una prassi consolidata, al punto che il giorno in cui Bocchetti rimase senza telefonino Rega si preoccupò: «Dissi a F., un detenuto : e adesso come fa Bocchetti senza telefono? F. rispose che gli aveva dato il suo. Perché F. aveva nascosto un suo telefono e l’ha venduto a Bocchetti». Già, come poteva stare il capoclan Bocchetti senza telefonino, si chiedeva il capo degli agenti. Surreale. Ma perché il coordinatore delle guardie aveva una sensibilità così spinta? «Per denaro e per droga - spiega lui -. A livello economico sono stato per un po’ di tempo sotto, anche perché avevo il mutuo pesante. E avevo iniziato a fare uso di stupefacenti, avevo bisogno di soldi. Mi hanno offerto delle cose e…». Si faceva pagare, dunque. In che modo? «Con vaglia postali o attraverso Western Union o in contanti, delle volte 200 euro, altre 300, 500, non erano delle somme fisse».

Pagamenti in tilt

I versamenti erano diventati così numerosi che Rega non riusciva più a orientarsi: «Qualche volta sono andato in confusione perché è arrivato più di un vaglia e non sapevo di chi fosse - ha spiegato al pm Sergio Dini -. Non conoscevo tutti quelli che mi mandavano i soldi». A volte erano i detenuti stessi a pagarlo, cash. «Venivano nel mio ufficio perché lì non c’erano telecamere, non c’era niente». Premesso che il denaro in carcere non può circolare, quando c’è bisogna nasconderlo. «I soldi li prendevano giù, nella biblioteca centrale, perché loro li nascondevano lì. F. mi raccontava che queste cose le faceva con il cuoco della cucina, che non so chi sia, ce ne sono tre o quattro…».

La coca in regalo

Ma i pagamenti avvenivano anche in uno dei modi più diffusi nel mondo della tossicodipendenza: cocaina o eroina. Già, le guardie «consumavano». «Mezza la portavamo e mezza la tenevamo per noi. Andavamo in camera e ci si divertiva, c’era S., c’era G., c’era M., c’era T., c’era L. … Ma andavamo anche a comprarla, 5 6 7 pezzi per uso personale. Si andava anche in quattro dagli spacciatori, alla stazione di Padova. Si pagava, si prendeva la roba e si andava in camera. Ci sputtanavamo così… Quando avevamo un po’ di grammi in mano andavamo in camera di G. e ci mettevamo a fumare. Qualche volta è capitato anche da me… Era coca era ero… Si pippava insieme… Lì si fumava e si fumava…». Talvolta quando arrivava il pacco con schede e telefonini, c’era sempre un presente per lui. «Il regalo per me era a livello di cocaina. Parliamo di due tre grammi che mi venivano lasciati». Insomma, un vero supermarket della droga, dove gli stessi agenti agevolavano il traffico. «Dopo essere stati agganciati con offerte di stupefacenti, i detenuti vengono sollecitati a commettere nuovi crimini proprio da chi dovrebbe controllarli e rappresentare lo Stato italiano», concludeva il giudice che firmò gli arresti. Un pianeta di illegalità, del tutto sconosciuto al direttore del penitenziario Salvatore Pirruccio: «Non sapevo nulla dello spaccio e dei favori altrimenti sarei intervenuto. Una brutta pagina da archiviare al più presto».

I suicidi

Una pagina di corruzione, di droga e anche di sangue. Dopo gli arresti di luglio, un agente e un detenuto coinvolti nell’inchiesta si sono tolti la vita. Il primo lo chiamavano «pittore» e vendeva ai reclusi filmini hard che lui stesso girava con le sue amiche. L’hanno trovato con le vene tagliate la sera prima della deposizione davanti al pm di Padova. Il secondo si è impiccato con una cintura, dopo essere stato picchiato. Lui aveva parlato e la gang non aveva gradito. Una gran brutta storia. Rega ne è consapevole: «Ho sbagliato».

corriere.it

Scoperta la stanza dove i Poliziotti collusi spacciavano e consumavano droga nel carcere di Padova

 

Padova, nel carcere comandava la cupola Tra droga, violenze, cellulari e filmini hard

 

Poliziotto penitenziario si suicida a Padova: era indagato per lo spaccio di stupefacenti in carcere

 

Agenti spacciatori a Padova, il Direttore: fuori le mele marce

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna