Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Primi patteggiamenti per cinque Poliziotti penitenziari di Padova

Polizia Penitenziaria - Primi patteggiamenti per cinque Poliziotti penitenziari di Padova


Notizia del 22/03/2015 - PADOVA
Letto (1914 volte)
 Stampa questo articolo


Tutti gli agenti di Polizia Penitenziaria finiti nei guai nell'inchiesta dell'estate scorsa accusati di aver portato all'interno delle celle droga o telefonini chiudono il conto con la giustizia con dei riti alternativi. Nell'udienza preliminare dell'altro ieri i legali lo hanno preannunciato al giudice, ci sono dei patteggiamenti e dei riti abbreviati.

Il 7 luglio 2014 venivano arrestati Pietro Rega, 48 anni, originario di Mariglianella (Napoli) e residente a Mirano; Luca Bellino, 38 anni, originario di San Paolo di Civitate, residente in via Croce Verde a Padova. Altri 4 agenti finirono agli arresti domiciliari: Roberto Di Profio, 45 anni, originario di Chieti e residente a Abano; Paolo Giordano, 40 anni, che si tose la vita un mese dopo; Giandonato Laterza, 31 anni, di Matera e domiciliato a Piazzola sul Brenta; e Angelo Raffaele Telesca, 36 anni, toscano, residente ad Albignasego. Il 15 maggio si discuteranno questi provvedimenti di ammissione di colpa. Per gli altri indagati 18 detenuti e sette persone tra parenti e amici ieri è stata un'udienza interlocutoria.

All'udienza di ieri non si sono presentati due imputati, i fratelli tunisini Issam e Mohamed Tlili, entrambi evasi l'altra sera. Uno era in permesso premio dal carcere di Bolzano dove era detenuto per altra causa, il provvedimento di libertà scadeva l'altra sera quando doveva tornare in cella per presentarsi ieri in tribunale a Padova, ma ha pensato bene di rimanere uccel di bosco. Il fratello invece, pure lui detenuto per altri fatti è evaso dai domiciliari che stava scontando a Livorno. Entrambi quindi ieri non si sono visti. C'erano comunque decine e decine di agenti di penitenziaria che hanno scortato i detenuti (anche loro colleghi) agli arresti domiciliari.

L'indagine era iniziata nell'estate 2013, mentre la polizia stava intercettando dei marocchini sospettati di un traffico di droga. Dalle telefonate era emerso del particolare traffico nella casa penale del Due Palazzi. L'inchiesta venne coordinata dal pubblico ministero Segio Dini e si è allargata a macchia d'olio. Scavando più a fondo la Mobile della Questura ha scoperto che c'era un vasto ed organizzato gruppo di agenti in servizio che erano dediti a fini di lucro ed in pianta stabile, in concorso con familiari ed ex detenuti, ad un sistema illecito finalizzato all'introduzione in carcere di droga (eroina, cocaina, hashish, metadone), materiale tecnologico (telefonini, schede sim, chiavette usb, palmari) ai detenuti accontentandoli per altre richieste. Chi era in cella e poteva pagare - tramite dei famigliari - poteva avere di tutto, in cella.

Detenuto in permesso premio fugge con il fratello ai domiciliari: sono coinvolti nello spaccio di droga nel carcere di Padova

 

Prime confessioni del Poliziotto penitenziario, principale accusato nella corruzione del carcere di Padova

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna