Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Primi patteggiamenti per cinque Poliziotti penitenziari di Padova

Polizia Penitenziaria - Primi patteggiamenti per cinque Poliziotti penitenziari di Padova


Notizia del 22/03/2015 - PADOVA
Letto (2136 volte)
 Stampa questo articolo


Tutti gli agenti di Polizia Penitenziaria finiti nei guai nell'inchiesta dell'estate scorsa accusati di aver portato all'interno delle celle droga o telefonini chiudono il conto con la giustizia con dei riti alternativi. Nell'udienza preliminare dell'altro ieri i legali lo hanno preannunciato al giudice, ci sono dei patteggiamenti e dei riti abbreviati.

Il 7 luglio 2014 venivano arrestati Pietro Rega, 48 anni, originario di Mariglianella (Napoli) e residente a Mirano; Luca Bellino, 38 anni, originario di San Paolo di Civitate, residente in via Croce Verde a Padova. Altri 4 agenti finirono agli arresti domiciliari: Roberto Di Profio, 45 anni, originario di Chieti e residente a Abano; Paolo Giordano, 40 anni, che si tose la vita un mese dopo; Giandonato Laterza, 31 anni, di Matera e domiciliato a Piazzola sul Brenta; e Angelo Raffaele Telesca, 36 anni, toscano, residente ad Albignasego. Il 15 maggio si discuteranno questi provvedimenti di ammissione di colpa. Per gli altri indagati 18 detenuti e sette persone tra parenti e amici ieri è stata un'udienza interlocutoria.

All'udienza di ieri non si sono presentati due imputati, i fratelli tunisini Issam e Mohamed Tlili, entrambi evasi l'altra sera. Uno era in permesso premio dal carcere di Bolzano dove era detenuto per altra causa, il provvedimento di libertà scadeva l'altra sera quando doveva tornare in cella per presentarsi ieri in tribunale a Padova, ma ha pensato bene di rimanere uccel di bosco. Il fratello invece, pure lui detenuto per altri fatti è evaso dai domiciliari che stava scontando a Livorno. Entrambi quindi ieri non si sono visti. C'erano comunque decine e decine di agenti di penitenziaria che hanno scortato i detenuti (anche loro colleghi) agli arresti domiciliari.

L'indagine era iniziata nell'estate 2013, mentre la polizia stava intercettando dei marocchini sospettati di un traffico di droga. Dalle telefonate era emerso del particolare traffico nella casa penale del Due Palazzi. L'inchiesta venne coordinata dal pubblico ministero Segio Dini e si è allargata a macchia d'olio. Scavando più a fondo la Mobile della Questura ha scoperto che c'era un vasto ed organizzato gruppo di agenti in servizio che erano dediti a fini di lucro ed in pianta stabile, in concorso con familiari ed ex detenuti, ad un sistema illecito finalizzato all'introduzione in carcere di droga (eroina, cocaina, hashish, metadone), materiale tecnologico (telefonini, schede sim, chiavette usb, palmari) ai detenuti accontentandoli per altre richieste. Chi era in cella e poteva pagare - tramite dei famigliari - poteva avere di tutto, in cella.

Detenuto in permesso premio fugge con il fratello ai domiciliari: sono coinvolti nello spaccio di droga nel carcere di Padova

 

Prime confessioni del Poliziotto penitenziario, principale accusato nella corruzione del carcere di Padova

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti