Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

Polizia Penitenziaria - Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss


Notizia del 11/05/2017 - CASERTA
Letto (4033 volte)
 Stampa questo articolo


Per la prima volta, almeno nella storia della camorra dell’agro aversano e di Terra di Lavoro, un avvocato si pente. Girolamo Casella, penalista di fama del Foro di Santa Maria Capua Vetere, ha preso la decisione a sorpresa: ha deciso di avviare un percorso di collaborazione con la giustizia.

A rivelare questa mossa del penalista è il “Mattino”: Casella, peraltro ex assessore al Comune di Casagiove, ha già sostenuto un primo interrogatorio davanti ai pm della Dda di Napoli Alessandro D’Alessio e Maurizio Giordano, ai quali ha confessato di voler far chiarezza. Casella è finito nei guai per aver difeso il killer dei Casalesi Giuseppe Setola.

Il gup Ferri aveva condannato in primo grado Casella a 15 anni di reclusione per aver fatto da messaggero al boss della fazione Bidognetti. Ecco il capo di imputazione contenuto nell’ordinanza e contestato al penalista che risponde di associazione a delinquere di stampo mafioso.

“In particolare, CASELLA partecipava all’associazione mafiosa facente capo a Giuseppe SETOLA, quale leader ancora riconosciuto e quale capo pienamente operante dal carcere ove è detenuto in regime di 41 bis ord. pen., sia – nel periodo antecedente all’arresto del SETOLA del gennaio 2009 – contribuendo in modo decisivo alla sua illecita liberazione, sia – nel periodo di latitanza dall’aprile 2008 al gennaio 2009 – mantenendo la disponibilità ad agire secondo necessità ed eseguendo i relativi ordini, sia – nel periodo successivo, a partire della reclusione al regime differenziato speciale – facendosi latore delle direttive inviate sul territorio durante i colloqui, anche utilizzando allo scopo MARTINO Luigi; il CASELLA fungeva stabilmente da messaggero tra i singoli partecipi ed i vertici del clan, sfruttando illecitamente sia i mandati difensivi allo scopo conferiti da SETOLA Giuseppe e BIDOGNETTI Raffaele – entrambi sottoposti al trattamento penitenziario del 41 bis o.p. ed ancora dell’art. 14 bis o.p. – così frustrando totalmente il relativo regime differenziato, sia direttamente che tramite terzi, sempre per ordine del capo recluso, al procacciamento delle risorse finanziarie del clan – anche tessendo e mantenendo le relazione con i vertici ed affiliati liberi – provviste di cui fungeva anche da custode, anche con lo specifico compito di distribuire lo stipendio mensile ed altre utilità.”

edizionecaserta.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Arretrati a Forze dell''Ordine, bidelli e docenti: ecco data ufficiale e importi

4 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

7 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

8 I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il Ministro Orlando, la riforma penitenziaria e il depotenziamento del GOM

2 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

3 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

4 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

5 La perquisizione straordinaria

6 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

7 Lo stress dell’agente penitenziario: momento ancora possibile di cambiamento

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Video: detenuti che puliscono i parchi di Roma accompagnati dalla Polizia Penitenziaria

10 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco