Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

Polizia Penitenziaria - Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss


Notizia del 11/05/2017 - CASERTA
Letto (3670 volte)
 Stampa questo articolo


Per la prima volta, almeno nella storia della camorra dell’agro aversano e di Terra di Lavoro, un avvocato si pente. Girolamo Casella, penalista di fama del Foro di Santa Maria Capua Vetere, ha preso la decisione a sorpresa: ha deciso di avviare un percorso di collaborazione con la giustizia.

A rivelare questa mossa del penalista è il “Mattino”: Casella, peraltro ex assessore al Comune di Casagiove, ha già sostenuto un primo interrogatorio davanti ai pm della Dda di Napoli Alessandro D’Alessio e Maurizio Giordano, ai quali ha confessato di voler far chiarezza. Casella è finito nei guai per aver difeso il killer dei Casalesi Giuseppe Setola.

Il gup Ferri aveva condannato in primo grado Casella a 15 anni di reclusione per aver fatto da messaggero al boss della fazione Bidognetti. Ecco il capo di imputazione contenuto nell’ordinanza e contestato al penalista che risponde di associazione a delinquere di stampo mafioso.

“In particolare, CASELLA partecipava all’associazione mafiosa facente capo a Giuseppe SETOLA, quale leader ancora riconosciuto e quale capo pienamente operante dal carcere ove è detenuto in regime di 41 bis ord. pen., sia – nel periodo antecedente all’arresto del SETOLA del gennaio 2009 – contribuendo in modo decisivo alla sua illecita liberazione, sia – nel periodo di latitanza dall’aprile 2008 al gennaio 2009 – mantenendo la disponibilità ad agire secondo necessità ed eseguendo i relativi ordini, sia – nel periodo successivo, a partire della reclusione al regime differenziato speciale – facendosi latore delle direttive inviate sul territorio durante i colloqui, anche utilizzando allo scopo MARTINO Luigi; il CASELLA fungeva stabilmente da messaggero tra i singoli partecipi ed i vertici del clan, sfruttando illecitamente sia i mandati difensivi allo scopo conferiti da SETOLA Giuseppe e BIDOGNETTI Raffaele – entrambi sottoposti al trattamento penitenziario del 41 bis o.p. ed ancora dell’art. 14 bis o.p. – così frustrando totalmente il relativo regime differenziato, sia direttamente che tramite terzi, sempre per ordine del capo recluso, al procacciamento delle risorse finanziarie del clan – anche tessendo e mantenendo le relazione con i vertici ed affiliati liberi – provviste di cui fungeva anche da custode, anche con lo specifico compito di distribuire lo stipendio mensile ed altre utilità.”

edizionecaserta.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 Ministro Orlando vigili affinchè il DAP non ritardi anche nell’attuazione del riallineamento

10 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa