Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

Polizia Penitenziaria - Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss


Notizia del 11/05/2017 - CASERTA
Letto (3766 volte)
 Stampa questo articolo


Per la prima volta, almeno nella storia della camorra dell’agro aversano e di Terra di Lavoro, un avvocato si pente. Girolamo Casella, penalista di fama del Foro di Santa Maria Capua Vetere, ha preso la decisione a sorpresa: ha deciso di avviare un percorso di collaborazione con la giustizia.

A rivelare questa mossa del penalista è il “Mattino”: Casella, peraltro ex assessore al Comune di Casagiove, ha già sostenuto un primo interrogatorio davanti ai pm della Dda di Napoli Alessandro D’Alessio e Maurizio Giordano, ai quali ha confessato di voler far chiarezza. Casella è finito nei guai per aver difeso il killer dei Casalesi Giuseppe Setola.

Il gup Ferri aveva condannato in primo grado Casella a 15 anni di reclusione per aver fatto da messaggero al boss della fazione Bidognetti. Ecco il capo di imputazione contenuto nell’ordinanza e contestato al penalista che risponde di associazione a delinquere di stampo mafioso.

“In particolare, CASELLA partecipava all’associazione mafiosa facente capo a Giuseppe SETOLA, quale leader ancora riconosciuto e quale capo pienamente operante dal carcere ove è detenuto in regime di 41 bis ord. pen., sia – nel periodo antecedente all’arresto del SETOLA del gennaio 2009 – contribuendo in modo decisivo alla sua illecita liberazione, sia – nel periodo di latitanza dall’aprile 2008 al gennaio 2009 – mantenendo la disponibilità ad agire secondo necessità ed eseguendo i relativi ordini, sia – nel periodo successivo, a partire della reclusione al regime differenziato speciale – facendosi latore delle direttive inviate sul territorio durante i colloqui, anche utilizzando allo scopo MARTINO Luigi; il CASELLA fungeva stabilmente da messaggero tra i singoli partecipi ed i vertici del clan, sfruttando illecitamente sia i mandati difensivi allo scopo conferiti da SETOLA Giuseppe e BIDOGNETTI Raffaele – entrambi sottoposti al trattamento penitenziario del 41 bis o.p. ed ancora dell’art. 14 bis o.p. – così frustrando totalmente il relativo regime differenziato, sia direttamente che tramite terzi, sempre per ordine del capo recluso, al procacciamento delle risorse finanziarie del clan – anche tessendo e mantenendo le relazione con i vertici ed affiliati liberi – provviste di cui fungeva anche da custode, anche con lo specifico compito di distribuire lo stipendio mensile ed altre utilità.”

edizionecaserta.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti