Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Problemi di sicurezza nella Rems di Volterra: personale infermieristico senza esperienza e formazione specifica

Polizia Penitenziaria - Problemi di sicurezza nella Rems di Volterra: personale infermieristico senza esperienza e formazione specifica


Notizia del 20/09/2016 - PISA
Letto (2229 volte)
 Stampa questo articolo


Gentile direttore,
nelle ultime settimane si sono susseguiti una serie di interventi di illustri professionisti sulle problematiche ancora irrisolte che affliggono le REMS.
Tuttavia, in tutti gli interventi non è stato fatto alcun cenno al problema della sicurezza del personale sanitario che opera all’interno di queste strutture. Un problema, quello della sicurezza, che invece è presente in modo estremamente preoccupante.

La normativa di istituzione delle REMS è estremamente vaga rispetto alla questione sicurezza e l’unico cenno, indiretto, è rappresentato dal passaggio in cui si dice che il personale sanitario da assegnare alla struttura sia esperto di malattia psichiatrica e che si faccia formazione di concerto fra Aziende Sanitarie e Ministero di Grazia e Giustizia, senza specificare di che tipo di formazione si debba trattare.

E’ tuttavia evidente che, la sola esperienza professionale, data la particolarità degli assistiti assegnati alle REMS, non può bastare a mettere in sicurezza gli operatori.

Che le REMS non debbano essere una struttura carceraria è ovvio, ma pensare di passare da una situazione in cui gli ospiti erano sottoposti a un regime di controllo di tipo carcerario ad una situazione in cui (gli stessi ospiti…) sono praticamente liberi di muoversi all’interno di una struttura priva di personale di sorveglianza, ha del paradossale e, almeno nella nostra esperienza, sta generando una situazione ad alto rischio.


L’esperienza di cui parliamo è quella che stiamo vivendo da settimane nella struttura REMS di Volterra, dove la lacuna normativa riguardo l’aspetto della sicurezza, sta emergendo in tutta la sua gravità.

Premesso che nel caso specifico, purtroppo, è venuta meno anche l’accortezza, da parte aziendale, di impiegare nella struttura personale infermieristico esperto di malattia psichiatrica, scegliendo di inserire in un contesto così difficile infermieri, per la quasi totalità donne e per lo più neolaureate e precarie, è tuttavia chiaro che gestire in totale assenza di personale di sorveglianza, alcuni specifici ospiti, è pericoloso per l’incolumità del personale di assistenza.

Nella struttura di Volterra stiamo assistendo a tutta una serie di situazioni che fanno riflettere sulle difficoltà di gestire in modo esclusivamente sanitario determinati ospiti. Le più “banali” vanno dal danneggiamento della struttura (ultimo episodio è stato divelto un cancello della recinzione della struttura) a principi di incendio.

Ma quello che preoccupa di più sono le aggressioni al personale infermieristico e OSS che è fatto oggetto di continue minacce (che in alcuni casi, hanno costretto l’azienda sanitaria di riferimento, l’AV Toscana Nord Ovest, a trasferire il personale coinvolto) ma soprattutto aggressioni fisiche caratterizzate da percosse e tentativi di violenza sessuale.

La totale assenza di personale di sorveglianza all’interno della struttura, crea una situazione in cui gli infermieri debbano affidarsi a sistemi di sicurezza passivi che prevedono l’attivazione di interventi dall’esterno che, giocoforza, non sono immediati. Telecamere e sistema “dell’uomo morto o dell’uomo a terra” sono evidentemente insufficienti a garantire la sicurezza degli operatori all’interno di una struttura che ospita soggetti estremamente pericolosi.
Nello specifico poi, nella struttura di Volterra non è previsto un medico H24, quindi assente la notte, cosa che può provocare ritardi anche nell’attuazione di terapie farmacologiche per il trattamento di pazienti in stato di agitazione.

Inoltre, c’è l’aspetto legato ai controlli di sicurezza degli accessi dall’esterno: negli OPG i controlli di sicurezza erano compito della Polizia Penitenziaria, qui invece sono gli infermieri ad essere costretti a gestire l’entrata dei parenti gestendo i controlli per evitare l’introduzione di materiale pericoloso, ma in realtà fra i compiti degli infermieri tale attività non è contemplata. E in questo caso non si tratta di una banale questione di mansioni.

E’ evidente che quella sull’istituzione delle REMS è una normativa carente anche sul fronte della sicurezza del personale di assistenza che viene lasciato solo a gestire situazioni estremamente pericolose.

Sarebbe pertanto opportuno che, oltre al controllo dell’attuazione del superamento degli OPG e all’istituzione delle REMS, esperti e politica prendessero atto della lacuna normativa che si è creata e vi ponessero rimedio prima che in queste strutture avvengano fatti irrimediabili.
 
Daniele Carbocci
Direzione Nazionale NurSind

quotidianosanita.it

 

Chiusura degli OPG: la solita messinscena che crea più problemi di quanti ne risolve

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

9 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente