Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Processo trattativa: solo un Poliziotto penitenziario a garantire la sicurezza dell'aula bunker

Polizia Penitenziaria - Processo trattativa: solo un Poliziotto penitenziario a garantire la sicurezza dell'aula bunker


Notizia del 21/06/2014 - PALERMO
Letto (1742 volte)
 Stampa questo articolo


L’immagine di uno Stato colpevolmente assente si manifesta in tutta la sua tracotanza all’Aula bunker del carcere dell’Ucciardone. Questa mattina era prevista l’udienza del processo trattativa nella quale dovevano deporre gli on. Ciriaco De Mita e Giuseppe Gargani. Ma davanti all’edificio che dovrebbe essere il più sorvegliato d’Italia non c’è nemmeno un poliziotto: il cancello è aperto. Nel piazzale antistante l’ingresso staziona qualche giornalista in ordine sparso, poco più in là si intravedono i giudici popolari.

Tutti in attesa. Senza alcuna vigilanza. C’è solamente un agente della Polizia Penitenziaria che non si spiega le ragioni di quell’assenza. Dalla Questura fanno sapere che effettivamente c’è stato un “disguido” e che avrebbero risolto al più presto. Nel frattempo arriva Nino Di Matteo, il pm condannato a morte da Totò Riina. Il magistrato che – in teoria – dovrebbe essere il più protetto d’Italia scende dalla sua auto di scorta nel cortile del bunker ed entra in aula. Attorno a lui solo i suoi agenti di scorta. Ancora nessun segno della presenza delle forze dell’ordine preposte alla sicurezza del bunker dell’Ucciardone.

Passano altri minuti e finalmente arrivano i primi due poliziotti: un primo, timido, accenno di “normalità”. Subito dopo avvocati e giornalisti possono accedere all’aula. Ma che segnale si è lanciato all’esterno? Quello di uno Stato che per un “disguido” lascia scoperto uno degli obiettivi più sensibili del nostro Paese. Al di là delle giustificazioni ufficiali sono i fatti quelli che contano: chiunque questa mattina avrebbe potuto avvicinarsi all’Aula Bunker e realizzare i peggiori propositi.

Alla luce di tutto ciò cosa importa sapere che nessuno dei due testi citati si è presentato oggi, facendo rinviare l’udienza al prossimo 26 giugno, adducendo motivazioni tecnico-giuridiche, se non addirittura legate a impedimenti “professionali”? Che interesse c’è a sapere che l’imputato Dell’Utri ha deciso di rinunciare a presenziare alle prossime udienze? Qui il problema è un altro, ed è rappresentato da queste “falle” degne di un Paese del terzo mondo. Tutto il resto sono chiacchiere.

antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

2 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

3 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

8 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

9 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

5 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

10 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro