Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Processo trattativa: solo un Poliziotto penitenziario a garantire la sicurezza dell'aula bunker

Polizia Penitenziaria - Processo trattativa: solo un Poliziotto penitenziario a garantire la sicurezza dell'aula bunker


Notizia del 21/06/2014 - PALERMO
Letto (1781 volte)
 Stampa questo articolo


L’immagine di uno Stato colpevolmente assente si manifesta in tutta la sua tracotanza all’Aula bunker del carcere dell’Ucciardone. Questa mattina era prevista l’udienza del processo trattativa nella quale dovevano deporre gli on. Ciriaco De Mita e Giuseppe Gargani. Ma davanti all’edificio che dovrebbe essere il più sorvegliato d’Italia non c’è nemmeno un poliziotto: il cancello è aperto. Nel piazzale antistante l’ingresso staziona qualche giornalista in ordine sparso, poco più in là si intravedono i giudici popolari.

Tutti in attesa. Senza alcuna vigilanza. C’è solamente un agente della Polizia Penitenziaria che non si spiega le ragioni di quell’assenza. Dalla Questura fanno sapere che effettivamente c’è stato un “disguido” e che avrebbero risolto al più presto. Nel frattempo arriva Nino Di Matteo, il pm condannato a morte da Totò Riina. Il magistrato che – in teoria – dovrebbe essere il più protetto d’Italia scende dalla sua auto di scorta nel cortile del bunker ed entra in aula. Attorno a lui solo i suoi agenti di scorta. Ancora nessun segno della presenza delle forze dell’ordine preposte alla sicurezza del bunker dell’Ucciardone.

Passano altri minuti e finalmente arrivano i primi due poliziotti: un primo, timido, accenno di “normalità”. Subito dopo avvocati e giornalisti possono accedere all’aula. Ma che segnale si è lanciato all’esterno? Quello di uno Stato che per un “disguido” lascia scoperto uno degli obiettivi più sensibili del nostro Paese. Al di là delle giustificazioni ufficiali sono i fatti quelli che contano: chiunque questa mattina avrebbe potuto avvicinarsi all’Aula Bunker e realizzare i peggiori propositi.

Alla luce di tutto ciò cosa importa sapere che nessuno dei due testi citati si è presentato oggi, facendo rinviare l’udienza al prossimo 26 giugno, adducendo motivazioni tecnico-giuridiche, se non addirittura legate a impedimenti “professionali”? Che interesse c’è a sapere che l’imputato Dell’Utri ha deciso di rinunciare a presenziare alle prossime udienze? Qui il problema è un altro, ed è rappresentato da queste “falle” degne di un Paese del terzo mondo. Tutto il resto sono chiacchiere.

antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”