Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Progetti di reinserimento detenuti sulle spalle della Polizia Penitenziaria: protesta del Sappe nel carcere di Bari

Polizia Penitenziaria - Progetti di reinserimento detenuti sulle spalle della Polizia Penitenziaria: protesta del Sappe nel carcere di Bari


Notizia del 22/06/2015 - BARI
Letto (1622 volte)
 Stampa questo articolo


Sempre più difficile la situazione all'interno della Casa circondariale, con i lavoratori che si rivolgono a Regione e Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria.

Da qualche tempo i vertici del carcere penitenziario di Bari, non fanno altro che pubblicizzare iniziative tese al reinserimento dei detenuti, ma senza coinvolgere chi nel carcere ci lavora in prima linea, come gli agenti penitenziari. Eppure anche il Sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria, favorevole alle lodevoli iniziative di reinserimento, pur lamentandosi non può accettare che il tutto si svolga esclusivamente sulle spalle dei poliziotti penitenziari. E non sarebbe la prima volta che loro vengono, lasciati soli nelle sezioni detentive a gestire detenuti pazzi, a vigilare sui i clan rivali in maniera inadeguate ed insicura, ad occupare più posti di servizio contemporaneamente a causa della carenza di personale.

Così nelle ore notturne il carcere di Bari risulta pressoché sguarnito, mentre tanti poliziotti penitenziari sono costretti a ricorrere al pronto soccorso a seguito delle lesioni provocate dai tanti squilibrati, veri, falsi o presunti, presenti nella struttura di corso De Gasperi. Insomma, ormai non passa giorno che la Direzione dell'Istituto barese con i propri educatori ed assistenti sociali, pubblicizzano iniziative a favore del reinserimento dei detenuti ristretti all'interno del carcere.

Chi non ricorda l'orto con la produzione di qualche pomodoro (ormai appassito), oppure le varie iniziative teatrali, la raccolta differenziata dei rifiuti, il treno che porta i familiari dei detenuti dal Papa a Roma e altro. Si può dire che ogni giorno viene sfornata una nuova iniziativa che porta visibilità, punteggi, sorrisi ai vertici del penitenziario di corso De Gasperi. Anche il Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria, come detto all'inizio, è favorevole alle iniziative che aiutano chi abbia voglia e volontà a reinserirsi, ma nel contempo non può assistere passivamente a quanto sta avvenendo nelle sezioni detentive sulle spalle dei poliziotti penitenziari di Bari.

Federico Pilagatti, segretario del Sappe, non usa mezzi termini: "Nelle sezioni detentive, soprattutto nei turni serali e notturni, i poliziotti penitenziari sono costretti a vigilare contemporaneamente due, tre sezioni detentive poiché vengono accorpate a causa della carenza; a lavorare in reparti in cui da una parte ci sono affiliati a pericolosi clan malavitosi e dall'altra i nemici giurati. Se per caso l'addetto alla vigilanza fosse preso in ostaggio da una fazione, cosa accadrebbe? Se lo sono chiesti i vertici dell'Istituto di Bari, tanto affabili e sorridenti, quando emettono ordini di servizio a ciclo continuo, che sanno che non potranno essere rispettati?".

E non basta. "Si preoccupano i vertici del carcere - continua implacabile Pilagatti - se nelle ore serali il carcere rimane presidiato da poche unità in servizio, il più delle volte senza neanche il personale sul muro di cinta? Ed ancora, lo sanno i vertici dell'Istituto che mentre loro annunciano eventi vari al mondo intero, all'interno delle sezioni detentive ci sono detenuti affetti da problemi psichiatrici che vagano con la licenza di far male ai poliziotti? Hanno mai contato quanti poliziotti penitenziari nell'ultimo anno hanno dovuto far ricorso alle cure del pronto soccorso a seguito di aggressioni da parte di detenuti affetti da problemi psichiatrici? Molti, troppi".

Proprio per questa ragione il segretario del Sindacato autonomo delle divise grigie baresi ha deciso di scendere in campo con una denuncia così pesante, intentando se necessario anche una serie di azioni legali contro la Regione Puglia responsabile della sanità penitenziaria e contro l'Amministrazione penitenziaria a tutela dei poliziotti penitenziari, lasciati in maniera irresponsabile ed illegittima in balia di questa tipologia di detenuti che non dovrebbe essere gestita dalla Polizia Penitenziaria ma, secondo le leggi, dal sistema sanitario regionale.

Dure, insomma, le iniziative preannunciante dai rappresentanti dei lavoratori all'interno della casa circondariale barese, che verranno rese pubbliche durante il prossimo incontro con i vertici del Dap a Roma per discutere, appunto, di quanto accade a Bari. Importante tutto quello che viene fatto in materia rieducativa per il detenuto, ma non bisogna dimenticare che il carcere è un luogo che deve soprattutto garantire sicurezza, per i detenuti stessi, per i poliziotti penitenziari, ma anche per i cittadini.

Quotidiano di Bari

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

6 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

7 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera