Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Proiettile trovato nel carcere di Venezia: trovato nel calzino di un detenuto

Polizia Penitenziaria - Proiettile trovato nel carcere di Venezia: trovato nel calzino di un detenuto


Notizia del 12/11/2015 - VENEZIA
Letto (1124 volte)
 Stampa questo articolo


Durante una perquisizione di routine gli agenti della Polizia Penitenziaria di Santa Maria Maggiore, nella cella di un detenuto, hanno trovato un proiettile. Era nascosto all’interno di un calzino e naturalmente non avrebbe dovuto passare i controlli ai quali viene sottoposto ogni pacco inviato dai familiari. Lo stesso vale per coloro che fanno visita a un detenuto: vengono perquisiti prima dell’incontro. Eppure quel proiettile, ancora da esplodere, è passato indenne, nonostante verifiche e accertamenti, ma si sa che quando scattano ogni giorno non sempre l’attenzione quotidiana è al massimo. Comunque, alla fine, gli agenti hanno scovato egualmente il proiettile quando era già arrivato a destinazione: il detenuto, infatti, lo aveva ricevuto e lo aveva nascosto tra i suoi indumenti.

Che poteva farsene il detenuto di un proiettile? Perché lo ha ricevuto? Sono domande alle quali dovrà rispondere l’indagine aperta dal pubblico ministero di turno, che intanto ha aperto un fascicolo nei confronti del detenuto per detenzione illegale di una parte di un’ arma. La legge, infatti, prevede quest’imputazione non soltanto quando il soggetto in questione possiede un’arma completa e funzionante, ma pure quando ne possiede una parte, un pezzo, anche un unico proiettile. Presumibilmente il pm lo chiederà al detenuto che lo aveva nascosto senza, però, avere grande speranza che voglia rispondere. Naturalmente, il magistrato chiederà accertamenti e verifiche per stabilire soprattutto come è arrivato il proiettile e chi lo ha inviato o consegnato, oltre che per capire quale uso ne doveva fare chi lo deteneva.

Un proiettile di solito serve per sparare, ma è necessaria un’arma e gli agenti non l’hanno trovata nonostante abbiano setacciato a dovere la cella dopo aver scoperto il proiettile. Hanno sospettato subito che potesse esserci anche una pistola o comunque un attrezzo in grado di sparare, quindi hanno compiuto controlli accurati e non solo nella cella del detenuto in questione. Ma una pistola, anche se smontata, non è facile da far passare, a meno che non vi sia la collaborazione di uno o più agenti. Nel carcere di Padova è

venuta alla luce una vera e propria banda composta anche da agenti che riusciva a far entrare di tutto nelle celle, ma a Venezia non è così e ora gli inquirenti sperano con le indagini di scoprire come sia riuscito il detenuto ad avere e nascondere un proiettile inesploso.

veneziatoday.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna