Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Proposta di intitolare carcere Arghillà a Paolo Maria Quattrone

Polizia Penitenziaria - Proposta di intitolare carcere Arghillà a Paolo Maria Quattrone


Notizia del 26/06/2013 - REGGIO CALABRIA
Letto (3851 volte)
 Stampa questo articolo


Proposta di intitolare il carcere dell'Arghillà a Paolo Maria Quattrone, l'ex Provveditore dell'amministrazione penitenziaria morto suicida. 

Il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò, ed il segretario - questore, Giovanni Nucera, in una dichiarazione congiunta, "esprimono apprezzamento per la decisione unanime del Consiglio regionale" di votare un ordine del giorno da loro presentato con cui si richiede al Ministero della Giustizia di intitolare al dottor Paolo Maria Quattrone la nuova casa di reclusione di contrada Arghillà.

"Paolo Maria Quattrone - ricordano Nicolò e Nucera - è stato apprezzato e unanimemente stimato non solo per i tratti della sua umanità nel corso del lungo impegno a servizio dello Stato in una amministrazione di assoluta delicatezza qual è il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, ma perché ha contribuito ad elaborare soluzioni in grado di mitigare i rigori della detenzione, costruendo, nel contempo, la speranza per moltissimi detenuti di potere reinserirsi dignitosamente e proficuamente, una volta espiata la pena, nei circuiti civili e nella società nel suo complesso".

"La sua figura cristallina - proseguono Nicolò e Nudera - non poteva dunque non trovare legittima e doverosa testimonianza nelle istituzioni democratiche per consegnarne la memoria e tenere vivo il suo straordinario impegno civile a servizio di quanti, pur trovandosi a dovere scontare un prezzo alto con la società, non hanno perso la speranza di un futuro sereno".

zoomsud.it

Anniversario della scomparsa di Paolo Quattrone: il ricordo della moglie

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)