Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Proteste contro il 41-bis: manifestanti autorizzati a protestare davanti il carcere di Cuneo

Polizia Penitenziaria - Proteste contro il 41-bis: manifestanti autorizzati a protestare davanti il carcere di Cuneo


Notizia del 17/04/2016 - CUNEO
Letto (1734 volte)
 Stampa questo articolo


Slogan davanti al Cerialdo di Cuneo. Dal carcere grida di approvazione dei detenuti. L'appello era stato lanciato in rete e negli scorsi giorni erano stati affissi, abusivamente, alcuni manifesti sotto i portici del centro del capoluogo. La stessa affissione precisava che gruppi diversi si sarebbero trovati, in contemporanea, anche sotto le carceri di Tolmezzo, Milano Opera, Parma, Sassari, Ascoli e Terni. Oggi pomeriggio (sabato 16 aprile) una sessantina di persone si sono radunate davanti al carcere Cerialdo di Cuneo, per manifestare contro il regime di carcere duro, il "41 bis".

La mobilitazione era autorizzata. L'appuntamento era per le 15, nello spiazzo accanto alla provinciale che porta a Confreria. Lì è stato appeso al guard-rail uno striscione che recitava: "Mille modi, un solo orizzonte: libertà".

Molti manifestanti erano giovani, ma fra loro anche c'erano anche degli adulti e una mamma con un bambino piccolo. Alcuni cittadini cuneesi, ma la maggior parte proveniva probabilmente da Torino. Nessuno ha voluto rilasciare dichiarazioni, neppure per spiegare il motivo della protesta.

Il gruppo si identifica nella campagna "Pagine contro la tortura", che, come si legge sui siti web, si prefigge di "rimuovere il divieto di ricevere dall'esterno libri e stampe d'ogni genere nelle sezioni 41bis". Contro il regime duro, e in generale contro l'idea stessa della prigione, i sessanta hanno gridato slogan di fronte alle due sezioni del "Cerialdo" visibili dalla strada, ricevendo, da dietro le sbarre, rumori e grida di approvazione dei reclusi.

Poi c'è stata musica: i manifestanti avevano un furgone attrezzato con casse e un generatore. Alcuni si sono anche avvicinati alla recinzione esterna, picchiando sulle sbarre con le pietre e cercando di parlare con i detenuti. Significativo il servizio d'ordine previsto da poliziotti e carabinieri, che si sono comunque tenuti a distanza, perché non si sono verificati problemi.

La Stampa

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia