Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Provenzano rimane al 41-bis: Tribunale di Sorveglianza di Roma dichiara inammissibile il ricorso

Polizia Penitenziaria - Provenzano rimane al 41-bis: Tribunale di Sorveglianza di Roma dichiara inammissibile il ricorso


Notizia del 16/10/2013 - ROMA
Letto (1404 volte)
 Stampa questo articolo


Tribunale di Sorveglianza di Roma di fatto conferma il 41-bis a Provenzano.

Bernardo Provenzano è ancora un soggetto pericoloso. E' quanto ha deciso il tribunale di sorveglianza di Roma dichiarando inammissibile il ricorso presentato dai legali dell'ex capo Mafia che chiedevano la revoca del regime di carcere duro per motivi di salute.

Confermato, quindi, il 41bis per il "capo dei capi" che è in cella dal 2006. Il tribunale della Capitale ha così chiuso ogni spiraglio lasciato aperto dalla procura di Palermo che, lo scorso luglio, aveva dato il suo ok alla revoca del regime detentivo duro.

Intanto, il padrino di Corleone è ancora in attesa di "notizie" dalla Corte di Strasburgo che ha ricevuto, dagli avvocati di Provenzano, una richiesta ri risarcimento all'Italia per "trattamenti inumani in carcere". Una denuncia alla quale la Corte europea dei diritti dell'uomo non è rimasta insensibile.

"La Corte di Strasburgo ha ricevuto il ricorso e non lo ha ritenuto inaccettabile - aveva chiarito Rosalba Di Gregorio, una dei legali del boss - Tanto è vero che ha chiesto ulteriori informazioni al Governo sulla vicenda".

today.it

Revoca del 41-bis a Bernardo Provenzano: a sorpresa il parere favorevole della DNA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia