Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Quattro ergastoli e altri 30 di reclusione: ma il serial killer Marco Bergamo, per il DAP, merita il comodo carcere di Bollate

Polizia Penitenziaria - Quattro ergastoli e altri 30 di reclusione: ma il serial killer Marco Bergamo, per il DAP, merita il comodo carcere di Bollate


Notizia del 27/05/2016 - MILANO
Letto (2185 volte)
 Stampa questo articolo


Non si sa ancora esattamente chi lo abbia deciso ma Marco Bergamo, il serial killer di Bolzano condannato a 4 ergastoli e ulteriori 30 anni di reclusione per l’omicidio di cinque giovani donne ha iniziato a godere di un trattamento carcerario meno afflittivo.

Dopo 24 anni trascorsi negli istituti di pena di massima sicurezza del nostro Paese, dal 15 febbraio il pluriomicida è stato trasferito nel carcere di Bollate, seconda Casa di reclusione di Milano, uno degli istituti carcerari all’avanguardia in Italia. Gli ultimi anni , Bergamo li aveva trascorsi nel carcere di Opera dopo oltre un decennio a Rebibbia. Ora i responsabili del Dap (il dipartimento amministrazione penitenziaria) ne hanno disposto il trasferimento nel carcere modello ove ogni detenuto è messo nelle condizioni di scontare la pena non in termini punitivi ma secondo una filosofia di recupero con un «percorso di consapevolezza» che valuta anche obiettivi e aspettative del condannato.

Marco Bergamo, che nel 2010 ha già goduto di un permesso premio di poche ore, ora sta tentando di ottenere l’ammissione alla semilibertà con l’opportunità di lavorare di giorno in una comunità (che dovrebbe ospitarlo per circa sei ore) per poi tornare in carcere la sera a dormire. Chi da tempo sta lavorando per ridare un futuro all’uomo che si sentiva appagato nel massacrare le donne con un coltello (la prima vittima fu Marcella Casagrande, studentessa quindicenne delle Magistrali), è l’avvocato Gianluca Pammolli del Foro di Roma che qualche anno fa tentò inutilmente di ottenere una revisione del processo posto che nel 1995 non era data possibilità ad un’imputato di scegliere il rito abbreviato con annesso sconto di pena. E così da circa tre mesi Marco Bergamo sta scontando la sua pena (che dovrebbe essere senza fine) in una confortevole cella singola con televisore e abbonamento pay tv per seguire film e partite di calcio in diretta.

E’ dunque innegabile che Marco Bergamo sia stato ammesso ad un regime carcerario notevolmente alleggerito che sembra preludere ad ulteriori concessioni secondo una logica di responsabilizzazione dei detenuti interessati ad una attività lavorativa. L’avvocato Gianluca Pammolli ammette di essere alla ricerca di una comunità in grado di offrire un impiego al pluri ergastolano bolzanino. Per il momento non sembra che nessuno abbia valutato la reale pericolosità sociale di Marco Bergamo che all’epoca del processo fu riconosciuto in grado di intendere e di volere anche se affetto da una grave patologia psichica che lo portava a provare piacere quando, a seguito di un impulso sessuale, si sentiva appagato nel trafiggere le donne a coltellate.

Sarà il giudice di sorveglianza di Milano a dover valutare se il rischio che Bergamo colpisca ancora sia reale.

altoadige.gelocal.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”