Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Quel furgone mi dava fastidio: li ho uccisi perché faceva rumore. Le prime dichiarazioni del poliziotto omicida

Polizia Penitenziaria - Quel furgone mi dava fastidio: li ho uccisi perché faceva rumore. Le prime dichiarazioni del poliziotto omicida


Notizia del 13/07/2015 - CASERTA
Letto (2971 volte)
 Stampa questo articolo


"Ho ucciso i Verde e Pinestro per difendermi da un'aggressione. Sono stato minacciato e avevo paura che potesse accadermi qualcosa". Cosi' il 50enne agente penitenziario Luciano Pezzella (Caserta) ha spiegato, nel lungo interrogatorio di ieri, ai carabinieri del reparto territoriale di Aversa i motivi che lo hanno portato a uccidere con la sua pistola d'ordinanza, a Trentola Ducenta (Caserta), tre componenti della famiglia Verde ed un piccolo imprenditore. 

''Quel furgone mi dava fastidio, faceva rumore''. Sotto i suoi colpi sono cosi' caduti il 37enne piccolo imprenditore ortofrutticolo di San Marcellino Franco Pinestro, e i suoi vicini Michele, Enza e Pietro Verde, rispettivamente padre, madre e figlio. Dalla strage si sono salvati miracolosamente il secondo figlio dei Verde, che era al bar a fare colazione, e la convivente di Pietro Verde, Antonella di 23 anni, che ieri mattina dormiva mentre Pezzella sparava. 

Quando ha sentito gli ultimi colpi ed e' uscita dalla stanza ha trovato i corpi in un lago di sangue della suocera e del fidanzato, quindi anche quello del suocero. Un terzo figlio era invece a Varese dove risiede ed e' tornato precipitosamente dopo essere stato avvertito dai carabinieri; si sarebbe dovuto sposare nei prossimi giorni ma le nozze sono state annullate. La strage e' avvenuta dopo che Pinestro ha parcheggiato il suo furgone in via Carducci a Trentola davanti casa dei Verde, a pochi metri dell'ingresso dell'abitazione dell'agente penitenziario; Pinestro, che convive con una donna e ha un figlio di 7 anni, doveva comprare delle cassette per la frutta dal 61enne Michele Verde, che aveva in casa un piccolo deposito di cassette vuote. 

Pezzella, da ieri sera nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di omicidio volontario - l'arresto dovra' essere convalidato dal Gip del Tribunale di Napoli Nord - ha raccontato agli ufficiali dell'Arma di "aver litigato con Pinestro perche' quel furgone parcheggiato nei pressi di casa mia dava fastidio e faceva tanto rumore; gli ho chiesto di spostarlo, lui mi ha minacciato insieme al mio vicino Michele Verde, a quel punto ho avuto paura per mia incolumita' ed ero esasperato, sono andato a prendere la mia pistola e ho sparato a Pinestro alle gambe, poi anche agli altri".

Pinestro era sul furgone quando e' stato colpito, ha provato anche a fare qualche metro sfondando un muretto, ma poco dopo si e' fermato; condotto in ospedale e' poi morto dissanguato. Le altre tre vittime sono state colpite piu' volte ad altezza d'uomo, ma sara' l'autopsia, che dovrebbe tenersi domani all'istituto di medicina legale di Caserta, a chiarire quanto proiettili hanno raggiunto le quattro persone decedute e quali sono stati fatali.

Gli investigatori del Reparto Operativo dell'Arma stanno cercando inoltre di capire se nel recente passato le liti tra Pezzella e i Verde fossero sfociate in denunce; di certo piu' volte Pezzella aveva litigato con i vicini per i tanti furgoni che sostavano a pochi metri da casa sua nelle prime ore della mattina; gli investigatori stanno anche verificando la presenza durante la strage di un collaboratore di Pinestro; qualcuno ha infatti riferito che il 37enne si muoveva in compagnia di uno straniero ma nessun testimone ha confermato con certezza la presenza del lavoratore. 

ANSA

Poliziotto Penitenziario uccide quattro persone con arma di ordinanza: lite con i vicini per un parcheggio

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!