Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Radicali: Il caso Carlo Saturno. Le voci, il sospetto

Notizia del 29/09/2011 - BARI

Radicali: Il caso Carlo Saturno. Le voci, il sospetto

letto 2043 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Probabilmente quello di Carlo Saturno è un nome che a molti non dice nulla. Vale la pena – pena letterale – di raccontarne la storia. Era un ragazzo come Federico Aldrovandi, come Stefano Cucchi, come molti altri: morti nelle nostre galere o in altri luoghi istituzionali in circostanze ancora da chiarire.

La storia di Carlo comincia nei primi anni 2000, carcere minori di Lecce. Pare che i numerosi tentativi, di far conoscere al Dipartimento della giustizia minorile quel che accadeva lì dentro tra il 2003 e il 2005, siano sempre stati ignorati; gravi episodi di violenza nei confronti dei ragazzi detenuti. Voci, sospetti.

Nel 2007 le parole del medico dell’istituto trovano ascolto presso l’allora sottosegretario alla Giustizia Alberto Maritati, che manda le carte alla Procura di Lecce. Nove agenti di polizia penitenziaria vengono indagati. Si parla di abusi terribili, di un sistema retto sul terrore. Il carcere viene chiuso e i ragazzi, tra cui Saturno, trasferiti nell’istituto minorile di Bari. Voci, sospetti. A questo punto Carlo parla. Si costituisce parte civile nel processo, racconta del pugno che gli ha sfondato un timpano e di tante altre cose. Arriviamo a quest’anno. Carlo è rientrato in carcere. Ha 22 anni e finisce nel carcere per adulti di Bari. Gli amici di Carlo si chiedono ora se in quel carcere operava qualcuno dei nove agenti incriminati anche grazie a lui. Voci, sospetti. Fatto è che ai primi di aprile Carlo viene trovato boccheggiante attaccato per il collo a un lenzuolo. Ricoverato al policlinico barese, muore il 7 aprile scorso.

La famiglia non crede al suicidio, quelle voci, quel sospetto, sono un tarlo. La Procura di Bari, prima apre un fascicolo senza alcuna ipotesi di reato, poi lo modifica in un’inchiesta contro ignoti per istigazione al suicidio. Nel frattempo i giudici che si occupavano degli abusi al minorile fissano la successiva udienza oltre i termini di prescrizione. Restano le voci, il sospetto.

Quel processo muore assieme a Carlo. Il cappellano del carcere di Lecce don Raffaele, alla morte di Carlo aveva lanciato un appello affinché “se ci sono detenuti che sanno qualcosa, lo dicano”. E un detenuto scrive una lettera nella quale racconta di aver visto tutto: Carlo sarebbe stato picchiato violentemente mentre era nella cella di isolamento nella quale è poi stato trovato appeso a quel lenzuolo. Carlo, racconta ancora quel detenuto, non si sarebbe suicidato. La lettera è stata consegnata alla Procura, vedremo se e cosa accadrà, se anche questa volta tutto finirà in gloria per prescrizione.

Accade comunque che anche quando si riesce ad accertare processualmente come si sono svolti i fatti e si puniscono i responsabili, le pene siano lievi. In Italia, per esempio, il reato di tortura non esiste, nonostante sia previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite, che l’Italia ha ratificato nel 1988. Sono passati oltre vent’anni, questo vuoto legislativo rimane. Così è accaduto che dopo i fatti del G8 di Genova alla caserma di Bolzaneto, i magistrati abbiano contestato agli imputati solo l’abuso d’ufficio, reato che poi nel 2009 è stato prescritto in virtù di quell’amnistia di fatto che c’è, di cui nessuno a parte i radicali parla e tantomeno coloro che si oppongono a che sia varata ufficialmente. In realtà il reato di tortura è stato approvato nel dicembre 2006 dalla Camera in base a un accordo bipartisan e licenziato dalla commissione giustizia del Senato nel luglio 2007.

Si potrebbe parlare di tortura nel caso di Carlo Saturno, Federico Aldrovandi e altri? Naturalmente lo dovrebbe stabilire un tribunale. Diciamo che quando si vuole fare del male; quando c’è un nesso tra azione e morte o lesione, quando la morte non avviene per lesione diretta ma per una serie di circostanze, le indagini non sarebbero costrette a perdersi o a trovare giustificazioni di ordine psicologico; i tempi della prescrizione sarebbero più lontani; e il reato di tortura si potrebbe applicare.

Si chiede scusa se casi e vicende come queste, almeno per oggi, chi scrive le trova più interessanti e utili da sottoporre alla nostra attenzione delle vicende che vedono coinvolto il presidente del Consiglio, che ormai nulla aggiungono o tolgono all’idea che ognuno di noi si è fatto di lui. Per oggi è tutto.
 

autore: Valter Vecellio

fonte: Notizie Radicali

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”