Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Rebibbia, durante l'evasione dei 2 romeni il sistema d’allarme era fuori uso

Polizia Penitenziaria - Rebibbia, durante l'evasione dei 2 romeni il sistema d’allarme era fuori uso


Notizia del 06/03/2016 - ROMA
Letto (1176 volte)
 Stampa questo articolo


Il mancato funzionamento dell’allarme del muro di cinta di Rebibbia è al centro dell’inchiesta sull’evasione dei due romeni, fuggiti dal carcere lo scorso San Valentino. Il pomeriggio della fuga, avvenuta alle 18.30, il sistema non ha allertato le guardie carcerarie. Un buco nella sicurezza che ha favorito il piano studiato da Catalin Ciobanu e Mihai Florin Diaconescu, poi riacciuffati il 18 febbraio.

Oltre a dove accertare le ragioni dell’avaria del sistema d’allarme - segnalato da mesi dal Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria diretto dal segretario Donato Capece - gli inquirenti stanno verificando chi ha avvisato i due immigrati dei problemi che l’avevano mandato in tilt. Diaconescu e Ciobanu, nel corso degli interrogatori di garanzia, hanno affermato che la fuga è stata il frutto di mera improvvisazione mischiata a una dose di fortuna. Versione ritenuta poco credibile dagli inquirenti.

Anzi la procura è convinta che i fuggiaschi abbiano ricevuto una «soffiata» su come muoversi più agevolmente dall’interno del penitenziario. Il pubblico ministero Silvia Sereni ha, infatti, indagato Ciobanu e Diaconescu – il primo condannato per omicidio e sequestro di persona, il secondo per rapina - anche con l’accusa di corruzione. L’ipotesi è che abbiano pagato qualche agente per avere la strada spianata al momento della fuga.

Ad avvalorare questa pista ci sono, tra l’altro, le dichiarazioni di numerosi detenuti che hanno riferito agli investigatori di aver notato movimenti strani nei giorni precedenti il 14 febbraio tra i due fuggiaschi e alcuni agenti. Da «radio carcere» è saltato fuori un retroscena dietro la preparazione della fuga. All’evasione, com’è stato riferito dall’interno di Rebibbia, dovevano partecipare, al fianco dei due romeni, altri quattro detenuti del reparto G11. In tutto pertanto avrebbero dovuto essere sei i fuggitivi. All’ultimo momento in quattro si sono però tirati indietro.

Tra i protagonisti ci sarebbero i due indagati per favoreggiamento che hanno aiutato Ciobanu – difeso dall’avvocato Andrea Palmiero - e Diaconescu fornendo a entrambi una seghetta e tre manici di scope, strumenti fondamentali quel pomeriggio per scappare da Rebibbia. Il primo mezzo, essenziale per segare le sbarre di un magazzino, sarebbe stato dato da un detenuto che lavora come elettricista, mentre i manici di scopa sono stati consegnati da Madelin Dragan, detenuto in una cella vicino a Diaconescu e Ciobanu.

corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

5 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

6 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

9 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

4 Ma chi siamo?

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia