Novembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2017  
  Archivio riviste    
Rebibbia, durante l'evasione dei 2 romeni il sistema d’allarme era fuori uso

Polizia Penitenziaria - Rebibbia, durante l'evasione dei 2 romeni il sistema d’allarme era fuori uso


Notizia del 06/03/2016 - ROMA
Letto (1148 volte)
 Stampa questo articolo


Il mancato funzionamento dell’allarme del muro di cinta di Rebibbia è al centro dell’inchiesta sull’evasione dei due romeni, fuggiti dal carcere lo scorso San Valentino. Il pomeriggio della fuga, avvenuta alle 18.30, il sistema non ha allertato le guardie carcerarie. Un buco nella sicurezza che ha favorito il piano studiato da Catalin Ciobanu e Mihai Florin Diaconescu, poi riacciuffati il 18 febbraio.

Oltre a dove accertare le ragioni dell’avaria del sistema d’allarme - segnalato da mesi dal Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria diretto dal segretario Donato Capece - gli inquirenti stanno verificando chi ha avvisato i due immigrati dei problemi che l’avevano mandato in tilt. Diaconescu e Ciobanu, nel corso degli interrogatori di garanzia, hanno affermato che la fuga è stata il frutto di mera improvvisazione mischiata a una dose di fortuna. Versione ritenuta poco credibile dagli inquirenti.

Anzi la procura è convinta che i fuggiaschi abbiano ricevuto una «soffiata» su come muoversi più agevolmente dall’interno del penitenziario. Il pubblico ministero Silvia Sereni ha, infatti, indagato Ciobanu e Diaconescu – il primo condannato per omicidio e sequestro di persona, il secondo per rapina - anche con l’accusa di corruzione. L’ipotesi è che abbiano pagato qualche agente per avere la strada spianata al momento della fuga.

Ad avvalorare questa pista ci sono, tra l’altro, le dichiarazioni di numerosi detenuti che hanno riferito agli investigatori di aver notato movimenti strani nei giorni precedenti il 14 febbraio tra i due fuggiaschi e alcuni agenti. Da «radio carcere» è saltato fuori un retroscena dietro la preparazione della fuga. All’evasione, com’è stato riferito dall’interno di Rebibbia, dovevano partecipare, al fianco dei due romeni, altri quattro detenuti del reparto G11. In tutto pertanto avrebbero dovuto essere sei i fuggitivi. All’ultimo momento in quattro si sono però tirati indietro.

Tra i protagonisti ci sarebbero i due indagati per favoreggiamento che hanno aiutato Ciobanu – difeso dall’avvocato Andrea Palmiero - e Diaconescu fornendo a entrambi una seghetta e tre manici di scope, strumenti fondamentali quel pomeriggio per scappare da Rebibbia. Il primo mezzo, essenziale per segare le sbarre di un magazzino, sarebbe stato dato da un detenuto che lavora come elettricista, mentre i manici di scopa sono stati consegnati da Madelin Dragan, detenuto in una cella vicino a Diaconescu e Ciobanu.

corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Incidente stradale a Sassari, muore Agente di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Bancali

2 Detenuto infilza due Poliziotti penitenziari con un tubo divelto dal bagno: colpiti alla schiena e al braccio

3 Si costituisce nel carcere di Bollate, Giuseppe Morabito: era ricercato per traffico internazionale di droga

4 Collaboratore di giustizia rivela: in carcere ho scalato la gerarchia della ''ndrangheta e sono diventato padrino

5 E'' deceduto il detenuto ferito con cinque colpi di pistola all''uscita del carcere di Secondigliano

6 Riforma Madia, drastico taglio del personale di Polizia Penitenziaria in Lombardia

7 Trovati due telefoni cellulari nel carcere di Milano Bollate

8 Detenuti o in misura alternativa al lavoro nei Tribunali. Sappe: non sarebbe meglio impiegarli in altri lavori?

9 Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra

10 Scuola superiore dell''amministrazione penitenziaria di Roma intitolata alla memoria di Piersanti Mattarella


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Assistente Capo della Polizia Penitenziaria si è suicidato con la pistola d''ordinanza nel carcere di Tolmezzo

2 L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

3 Finalmente il DAP ammette la propria inettitudine. " ... siamo sterili, fini a noi stessi e senza obiettivi.”

4 Gianfranco De Gesu e Anna Internicola, marito e moglie ai vertici del Provveditorato Sicilia: interrogazione parlamentare Onorevole Polverini

5 Polizia Penitenziaria arresta islamico in carcere il giorno della sua scarcerazione: algerino istigava altri detenuti al jihad nel penitenziario di Nuoro

6 Istituire un Dipartimento Esecuzione Penale e, se serve, diventare Polizia di Stato

7 Ho visto cose che voi umani …

8 Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro

9 Chi non riesce a contraddire il ragionamento, aggredisce il ragionatore

10 Evasioni, organico Polizia Penitenziaria, braccialetti elettronici, infiltrazioni mafiose in carcere: interrogazione parlamentare M5S