Un pensiero rivolto alla libertà e un pizzico di fantasia. Tanto era bastato a Youkurab Bouslhahi per tentare la fuga. Nascondendosi sotto il camion dei rifiuti che quotidianamente e" />

  Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Rebibbia: Tenta evasione nascondendosi sotto al camion che porta via immondizia. Condannato a un anno di reclusione

Polizia Penitenziaria - Rebibbia: Tenta evasione nascondendosi sotto al camion che porta via immondizia. Condannato a un anno di reclusione


Notizia del 01/07/2015 - ROMA
Letto (1619 volte)
 Stampa questo articolo


Un pensiero rivolto alla libertà e un pizzico di fantasia. Tanto era bastato a Youkurab Bouslhahi per tentare la fuga. Nascondendosi sotto il camion dei rifiuti che quotidianamente esce dal penitenziario di Rebibbia pensava di non essere visto ma gli agenti della Polizia Penitenziaria avevano capito che qualcosa non andava e lo avevano fermato proprio a pochi metri dall’ingresso del carcere. Così ieri l’uomo, un 33enne tunisino, è stato condannato dai giudici di piazzale Clodio. Youkurab dovrà scontare un anno di reclusione, come richiesto dal pubblico ministero Gianluca Mazzei. Pena questa che si andrà a sommare a quella che il detenuto stava già scontando. Nel maggio del 2012 infatti, il giovane tunisino era stato condannato perché colto con le mani nel sacco mentre tentava maldestramente di mettere a segno una rapina. Condotto nel penitenziario di Rebibbia, Youkurab aveva iniziato a scontare la sua pena tranquillamente. Ma dietro quella quiete apparente si celava un grande desiderio di libertà. Così il ragazzo aveva improvvisato una fuga all’ultimo minuto. Rebibbia certamente non ricorda Alcatraz e sicuramente Youkurab non è Frank Morris, il furbo e intelligente rapinatore protagonista del film diretto da Don Siegel. Il suo piano non prevedeva l’indebolimento dei muri della prigione. Nelle sue intenzioni non vi era l’idea di sfruttare un condotto di aerazione che passa sopra le celle. Il detenuto, a differenza del protagonista del celebre film, non avrebbe dovuto attraversare gelide acque a bordo di una rudimentale zattera. Semplicemente Youkurab aveva pensato di approfittare del tempo trascorso nel cortile del penitenziario per evadere utilizzando il camion della nettezza urbana. Quando il mezzo dell’Ama era passato al suo fianco, aveva colto il momento per chinarsi e rotolare sotto il furgone appendendosi poi tra gli ingranaggi del veicolo. Pensava di viaggiare verso la libertà ma i poliziotti penitenziari lo avevano fermato dopo pochi minuti, proprio a due passi dal cancello del penitenziario.

 

fonte: iltempo.it

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore